La Croazia apprezza l’interesse dell’UE verso i Balcani occidentali

Pubblicato il 11 marzo 2017 alle 7:43 in Balcani

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro croato, Andrej Plenkovic, apprezza la posizione assunta dai leader dell’Unione Europea verso i Balcani occidentali.

“I membri dell’UE hanno mandato un messaggio di incoraggiamento affermando di voler fornire un maggiore sostegno ai paesi del sud-est europeo, insieme al rafforzamento della cooperazione”, ha spiegato Plenkovic.

Il Consiglio Europeo, giovedì sera, si è riunito per discutere su diverse questioni, tra cui le relazioni tra l’Unione ed i Balcani occidentali,  un argomento che non veniva affrontato dal 2008. Nelle conclusioni del meeting, elaborate dal presidente del Consiglio, Donald Tusk, si legge che l’UE ha intenzione di aumentare la collaborazione con gli Stati balcanici per migliorare le relazioni, supportando diverse iniziative di riforma volte a riportare la stabilità nella regione.

Plenkovic ha aggiunto che soltanto alcuni leader erano a conoscenza della precaria situazione dei Balcani occidentali, e ha riferito che: “Abbiamo bisogno di una forte presenza dell’UE, insieme a politiche mirate a risollevare la situazione; tuttavia, se l’Unione sarà troppo lenta, altri paesi si intrometteranno”. Ad avviso del PM croato, ci sono tre questioni chiave che devono essere risolte. In primo luogo, è necessario il raggiungimento di una legittimità democratica nell’intera regione, in modo da sedare il crescente populismo; in secondo luogo, i cittadini europei dovrebbero beneficiare maggiormente sia del budget, sia delle politiche dell’UE e, in terzo luogo, l’Unione dovrebbe assumere un ruolo più forte a livello globale.

I paesi balcanici occidentali sono caratterizzati da tensioni interne ed esterne, le quali preoccupano i vicini europei, soprattutto perché mettono a rischio la sicurezza dell’UE stessaDal 1999, l’Unione ha lanciato diverse iniziative per avvicinarsi ai Balcani, supportando l’adozione di riforme volte a migliorare la situazione. La Croazia, nel 2013, è stato il primo paese a entrare nell’Unione Europea; il Montenegro, la Serbia, l’Albania e la Macedonia sono candidati ufficiali per divenire membri, mentre la Bosnia Herzegovina e il Kosovo hanno ricevuto lo status di candidati potenziali.

Il PM croato, Andrej Plenković. Fonte: Wikimedia Commons

Il PM croato, Andrej Plenković. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Balcani

L’ALBANIA AUMENTA GLI SFORZI PER COMBATTERE IL TERRORISMO

L’Albania metterà in atto nuove misure di sicurezza volte a ridurre i rischi di radicalizzazione tra i propri cittadini

Balcani Europa

Vucic: le armi russe sono fondamentali per la difesa della Serbia

Le forniture di armi russe alla Serbia sono necessarie per aumentare significativamente la difesa nazionale. Lo ha dichiarato in un’intervista all’agenzia di stampa RIA Novosti il presidente Aleksandar Vucic. Il Presidente serbo, Aleksander Vucic. Font …

Balcani Europa

Svolta storica in Serbia: nuovo primo ministro donna e omosessuale

L’annuncio della nomina di Ana Brnabić, omosessuale dichiarata, è stato fatto questo giovedì dal presidente Aleksandar Vučić

Balcani

Immigrazione: Oxfam denuncia gli abusi e le torture della polizia sulla rotta balcanica

Il network contro la povertà Oxfam ha pubblicato un report in cui denuncia il trattamento violento ed illegale dei migranti lungo la tratta balcanica da parte delle autorità locali

Balcani

L’Albania chiede un’UE forte per affrontare l’immigrazione

Il ministro per l’integrazione europea albanese, Klajda Gjosha, durante l’evento di lancio del programma “Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro”, a Bari, ha affermato che “è necessaria un’Unione Europea forte per affrontare le sfide poste dai flussi migratori”

Balcani

L’Albania intende inviare le proprie truppe in Iraq per combattere l’ISIS

L’Albania ha intenzione di inviare le proprie truppe in Iraq per combattere contro l’ISIS. La notizia è stata annunciata, martedì scorso, da Mimi Kodheli, ministro della difesa albanese, durante un colloquio con una commissione parlamentale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.