Il Gibuti consolida e amplia le sue relazioni con l’Etiopia

Pubblicato il 8 marzo 2017 alle 10:26 in Africa Gibuti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ambasciatore gibutiano in Etiopia, Mohammed Idriss Farah, ha dichiarato che il suo paese sta lavorando per ampliare e consolidare le sue molteplici relazioni con l’Etiopia.

Il presidente del Gibuti, Ismail Omar Guelleh, a metà marzo si recherà per una visita di Stato di tre giorni nel paese. In un’intervista esclusiva a The Ethiopian Herald, Farah ha dichiarato che il Gibuti è stato enormemente impegnato nella ricerca di nuove aree di cooperazione con l’Etiopia e nel migliorare quelle esistenti. “Stiamo lavorando insieme con grandi partner, tra cui la Cina per costruire le nostre infrastrutture, quali porti e aeroporti. Stiamo costruendo tutto ciò per permettere al paese di avere un facile accesso al mercato internazionale“. L’ambasciatore gibutiano ha ricordato che il suo paese e l’Etiopia, nel corso degli anni, hanno lavorato per un’integrazione economica sempre più stretta, e ha sottolineato che la visita di Stato del presidente Guelleh avrebbe ulteriormente rafforzare gli sforzi per delineare nuovi settori di cooperazione. Ha spiegato: “Tra le altre cose, la visita del presidente è volta a raggiungere un accordo tra i due paesi in ambiti quali l’immigrazione e i servizi di trasporto, così da poter ulteriormente migliorare lo scambio di persone e merci”. Sono oltre 2.000 i veicoli che attraversano la frontiera Etiopia-Gibuti giornalmente. L’ambasciatore ha sottolineato che l’accordo avrebbe un ruolo fondamentale nel tagliare tempo e costi di viaggio. Farah ha anche aggiunto che i due paesi hanno svolto un ruolo determinante nel concretizzare la visione di integrazione economica dell’Unione Africana.

Per quanto riguarda la pace e la stabilità della regione, l’ambasciatore Farah ha affermato che i due paesi hanno condiviso una visione comune di pace e stabilità per la Somalia, così come per il Sud Sudan. Inoltre, l’ambasciatore ha detto: “Stiamo lavorando insieme alle forze armate etiopiche in Somalia per combattere al-Shabaab e rafforzare le capacità dell’esercito somalo“. L’ala dell’intelligence del Gibuti sta collaborando con la sua controparte etiope per scoraggiare il movimento di al-Qaeda e di altri gruppi di combattenti che mirano a destabilizzare l’Etiopia, ha concluso.

Le relazioni diplomatiche tra i due paesi sono iniziate nel 1984. Entrambi gli Stati condividono il possesso della ferrovia Etiopia-Gibuti che unisce Addis Abeba, capitale etiope, al porto del Gibuti.

Il presidente del Gibuti, Ismail Omar Guelleh. Fonte: Flickr

Il presidente del Gibuti, Ismail Omar Guelleh. Fonte: Flickr

 

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.