Il Ghana festeggia il 60° giorno dell’Indipendenza

Pubblicato il 8 marzo 2017 alle 7:21 in Africa Ghana

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 6 marzo il Ghana ha festeggiato i 60 anni di indipendenza. Una panoramica sulla democrazia, le risorse e l’istruzione del paese.

Il Ghana è stato il primo paese dell’Africa subsahariana ad ottenere l’indipendenza dal dominio coloniale britannico nel 1957. L’esperienza ghanese ha ispirato molti paesi africani a lottare contro i propri colonizzatori e durante gli anni sessanta 17 paesi africani hanno ottenuto l’indipendenza.

La storia del Ghana è marcata dallo sviluppo e dal progresso in ambito di sfide per l’educazione e la salute, tuttavia è anche caratterizzata da battute d’arresto causate da problemi economici, di stabilità politica e di corruzione.

Molti paesi africani, dopo aver lottato per l’indipendenza dal dominio coloniale, hanno subito la dominazione di una classe dirigente attenta a sfruttare le risorse economiche e materiali del paese.

La transizione democratica del paese è avvenuta tramite il trasferimento pacifico di potere dal leader storico, John Mahama, al nuovo presidente eletto, Akufo-Addo, che lo ha sconfitto alle elezioni politiche nel dicembre 2016.

Mahama è stato molto criticato dall’opposizione riguardo la cattiva gestione degli affari finanziari del paese. Inoltre il Ghana è entrato nel 2015 in una crisi politica scoppiata a causa di uno scandalo di corruzione all’interno della magistratura. La corruzione e la crisi economica hanno provocato una crescente disaffezione e sfiducia nelle istituzioni da parte del popolo ghanese.

L’economia del Ghana è stata per molto tempo una delle più dinamiche in Africa, tuttavia nel 2014 l’economia è entrata in crisi quando i prezzi delle materie prime sono crollati e la crisi finanziaria ha provocato l’aumento dell’inflazione e l’aumento del deficit di bilancio. Un anno dopo, il paese è stato costretto a rivolgersi al Fondo Monetario Internazionale (FMI) per richiedere un piano di salvataggio.

Nonostante le difficoltà economiche, il Ghana è un paese ricco di risorse essendo il secondo produttore al mondo di cacao e secondo produttore di oro in Africa. In precedenza era conosciuto come “Gold Coast” (costa d’oro). Tuttavia, negli ultimi anni molti investitori cinesi hanno approfittato delle risorse di oro presenti nel paese, mettendo in discussione il beneficio che questo settore possa apportare alla nazione.

Nel settore energetico, numerosi progetti idroelettrici sono stati avviati nel 1960 contribuendo a far diventare il Ghana uno dei paesi africani con il più alto tasso di energia elettrica. Tuttavia, la crescente domanda e la recente siccità dovuta dai cambiamenti climatici hanno ostacolato le capacità di produzione di energia del paese, causando numerosi blackout.

L’iniziativa per l’educazione femminile delle Nazioni Unite (UNGEI) ha riferito che il Ghana sta facendo “buoni progressi” nella riduzione della disparità tra i sessi e riguardo l’accesso all’istruzione femminile. Secondo l’UNICEF la disparità tra ragazze e ragazzi in termini di iscrizione alla scuola primaria è minima, mentre l’accesso alla scuola secondaria è ancora in minoranza di ragazze.

In alcune zone del Ghana le ragazze devono affrontare atteggiamenti culturali ostili nei confronti dell’istruzione femminile, nonché pressioni economiche che incentivano i genitori a non mandare le proprie figlie a scuola.

Anniversario nazionale di indipendenza. Fonte: Wikimedia Commons

Anniversario nazionale di indipendenza. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.