Attentato in Mali: undici soldati uccisi e cinque feriti

Pubblicato il 7 marzo 2017 alle 7:37 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attacco armato contro la base militare al confine con il Burkina Faso ha provocato undici vittime e cinque feriti.

Il portavoce del Ministero della Difesa, Abdoulaye Sidibe, ha dichiarato che la base militare situata nella riserva naturale di Boulikessi al confine tra il Mali e il Burkina Faso è stata attaccata tra le 4 e le 5 di mattina. Il portavoce ha aggiunto che sono stati mandati immediatamente dei rinforzi sul campo.

L’attentato non è ancora stato rivendicato. Tuttavia, negli ultimi mesi, diverse basi militari del nord del paese sono state prese di mira da più organizzazioni terroristiche, tra cui alcune affiliate ad al-Qaeda.

I gruppi jihadisti come Ansar Dine hanno aumentato la frequenza degli attentati terroristici rispetto lo scorso anno. Nel 2016 il gruppo ha effettuato una decina di attentati anche nelle zone nel sud del paese, ritenute più sicure.

L’attentato più sanguinoso che ha provocato circa 60 vittime e 100 feriti è stato effettuato nella base militare di Gao il 18 gennaio 2016 da parte del gruppo affiliato ad Al-Qaeda, Al-Murabitun.

Il Mali è stato protagonista di numerosi attentati da parte di vari gruppi terroristici. Il nord-est del paese è in stato di emergenza dallo scorso anno per concedere maggiori poteri alle forze dell’ordine che operano sul territorio per contrastare la minaccia jihadista.

Alcune basi militari situate nel nord del paese vennero occupate nel gennaio 2012 da gruppi ribelli tuareg e gruppi legati ad Al-Qaeda. Tuttavia un intervento militare francese è stato condotto l’anno successivo per estromettere la maggior parte dei gruppi armati che avevano assediato i centri di potere del territorio e per impedire che i ribelli avanzassero verso la capitale Bamako.

Nel 2015 è stato firmato un accordo di pace tra l’esercito malese e alcuni gruppi armati, tuttavia, i gruppi affiliati ad al-Qaeda e all’ISIS non hanno rinunciato al combattimento e attualmente sono ancora attivi nonostante la presenza di almeno 11.000 soldati ONU che operano sul territorio.

Esercito malese. Fonte: Wikimedia Commons.

Esercito malese. Fonte: Wikimedia Commons.

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.