Voli militari Brasile-Falkland, l’Argentina protesta

Pubblicato il 6 marzo 2017 alle 16:13 in America Latina Argentina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero degli esteri di Buenos Aires ha trasmesso al governo di Brasilia una nota in cui esprime preoccupazione per i voli militari britannici dal Brasile alle isole contese.

La Direzione Nazionale di Controllo del Traffico Aereo argentino ha monitorato almeno sei voli militari operati dalla Royal Air Force britannica tra diversi aeroporti brasiliani e la base aerea di Mount Pleasant, nelle isole Falkland. Principale aeroporto dell’arcipelago conteso, Mount Pleasant, a sud ovest della capitale Port Stanley, ospita dal 1985 una base aerea della RAF.

Bandiera delle Isole Falkland. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera delle Isole Falkland. Fonte: Wikimedia Commons

Il Ministero degli Esteri ha dato istruzioni all’Ambasciata Argentina a Brasilia di presentare al Ministero degli Esteri brasiliano le rimostranze e la preoccupazione argentina per i voli in questione – si legge nella nota del dicastero diretto da Susana Malcorra – l’Argentina richiama il Brasile a rispettare l’impegno, assunto nel quadro del Mercosur e dell’Unasur, di non accogliere navi e aerei da guerra provenienti dalle isole nei propri porti e aeroporti.

Il Ministero degli Esteri del Brasile, pur riaffermando la propria solidarietà con le rivendicazioni di Buenos Aires, ha dichiarato di non avere informazioni riguardo ai voli ed ha demandato la cosa al Ministero della Difesa. L’Ambasciata Brasiliana a Buenos Aires ha affermato che si è trattato probabilmente di questioni umanitarie o di emergenza dovute a problemi tecnici degli aerei, sottolineando comunque di non avere informazioni in materia.

In occasione della recente visita del Presidente Macri a Brasilia, il Brasile aveva reiterato il suo appoggio ai “legittimi diritti della Repubblica Argentina sulle Isole Falkland, Georgia del Sud e Sandwich Australi e sulle acque territoriali circostanti”, secondo la dichiarazione congiunta resa nota da Itamaraty.

L’aeroporto di Mount Pleasant collega le Isole Falkland con il Cile, il Regno Unito, Capo Verde e il Portogallo. Sono previsti voli civili di prossima inaugurazione diretti in Argentina e in Uruguay.

Traduzione dallo spagnolo e dal portoghese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.