Il presidente della Guinea ha licenziato tre Ministri dopo le violente proteste

Pubblicato il 2 marzo 2017 alle 7:31 in Africa Guinea

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Presidente della Guinea, Alpha Conde, ha licenziato, tramite un decreto presidenziale, il Ministro dell’istruzione, Ibrahima Kourouma, il Ministro del Servizio Civile, Sekou Kourouma, e il Ministro dell’Ambiente, Christine Sagno, a seguito delle violente proteste in cui 7 persone sono rimaste uccise e 12 sono rimaste ferite.

Il decreto, pubblicato dalla televisione nazionale lunedì 27 febbraio, ha confermato le dimissioni dei tre Ministri coinvolti. Tuttavia, i motivi del licenziamento non sono stati dichiarati ufficialmente, ma un ufficiale di governo, di cui la fonte non vuole rivelare il nome, ha detto che i licenziamenti erano direttamente collegati allo sciopero degli insegnanti, e che il governo ha negoziato un accordo per interrompere le manifestazioni.

Gli insegnanti guineani hanno protestato contro la decisione del governo di tagliare gli stipendi a molti giovani dopo aver superato l’ultimo esame per entrare nel Servizio Civile. Gli studenti hanno perciò sostenuto la manifestazione insieme agli insegnanti. Tuttavia, le proteste sono sfociate in violenza quando alcuni dimostranti si sono scontrati contro gli uomini della polizia in alcuni distretti della capitale Conakry.

Alpha Conde è stato eletto per il secondo mandato presidenziale nell’ottobre 2015, assicurandosi la vittoria al primo turno con il 58% dei voti in parlamento. Il leader dell’opposizione, Cellou Dalein Diallo, ha dichiarato invalido il voto, denunciando il presidente di corruzione. Tuttavia l’Unione Europea ha dichiarato che, nonostante alcuni problemi logistici, il voto era valido. Inoltre le elezioni hanno sollevato tensioni etniche dato che Conde fa parte del gruppo etnico Malinke, che rappresenta il 35% della popolazione nazionale, mentre il leader dell’opposizione, Diallo, è del gruppo etnico Peul, di cui fa parte il 40% della popolazione.

La Repubblica della Guinea, dopo aver ottenuto l’indipendenza dalla Francia nel 1958, è stata dominata da una serie di regimi militari dispotici che hanno costretto Alpha Conde a ritirarsi in esilio. L’elezione del 2010, che ha visto Alpha Conde salire al potere, è stata la prima elezione democratica del paese.

Repubblica di Guinea in Africa. Fonte: Wikimedia Commons

Repubblica di Guinea in Africa. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Venezuela

Venezuela: sale il bilancio dei morti durante le proteste contro Maduro

Il Procuratore Generale della Repubblica del Venezuela, Luisa Ortega Díaz, ha affermato che 55 persone sono state uccise durante le proteste: 52 civili e 3 membri delle forze dell’ordine

America Latina Brasile

Le proteste contro il presidente Temer paralizzano il Governo del Brasile

Il Governo ha richiesto lo spiegamento dell’Esercito nella capitale per far fronte ai migliaia di manifestanti che richiedono le dimissioni del presidente

Africa Etiopia

L’Etiopia combatterà le attività anticostituzionali svolte sotto la veste della religione

Il ministro dell’informazione dell’Etiopia, Negeri Lencho, ha affermato che il governo è impegnato a combattere le attività politiche sovversive che si svolgono sotto il pretesto della religione

America Latina Messico

Venezuela: 26 morti in un mese il bilancio delle proteste contro Maduro

L’opposizione venezuelana ha tenuto ieri una nuova marcia nel centro di Caracas per chiedere elezioni politiche, mentre la procura rende noto che sono 26 le persone morte nell’ultimo mese durante le proteste, molti omicidi attribuiti ai gruppi paramilitari del chavismo

America Latina Venezuela

Tre morti nelle manifestazioni antigovernative in Venezuela

Due manifestanti e un membro della guardia nazionale sono morti negli scontri della prima giornata di protesta convocata dall’opposizione contro il governo Maduro

America Latina Paraguay

Paraguay, Cartes rinuncia a ricandidarsi nel 2018 per risolvere la crisi politica

Il presidente del Paraguay, il conservatore Horacio Cartes, ha comunicato, a due settimane dalle proteste sfociate nell’incendio del Parlamento, che non si ricandiderà nel 2018


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.