Attentato nel nord del Burkina Faso contro due stazioni di polizia

Pubblicato il 1 marzo 2017 alle 7:43 in Africa Burkina Faso

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due stazioni di polizia sono state attaccate nella provincia di Soum, al confine con il Mali, durante la notte di lunedì 27 febbraio.

Secondo l’Alto Commissario di Soum, Mohamed Dah, le due stazioni di polizia, situate rispettivamente nelle località di Baraboulé e Tongomayel, sono state attaccate simultaneamente dal gruppo jihadista Ansarul Islam. I due attacchi non hanno provocato vittime, tuttavia un’agente di polizia è stata ferita.

Durante l’attacco contro la stazione di polizia di Tongomayel gli assalitori hanno rubato 2 moto, ne hanno bruciate 16 e dopo aver incendiato il commissariato, hanno appeso un cartello che riportava il nome dell’organizzazione terroristica Ansarul Islam.

Il Ministro della Sicurezza del Burkina Faso, Simon Compaore, ha confermando la notizia lanciata dall’agenzia di stampa AFP, affermando che gli attacchi si sono verificati quasi simultaneamente e che i rinforzi sono stati immediatamente inviati sul campo. Inoltre, le autorità di Soum sospettano che gli attacchi possono essere un diversivo per un obiettivo più grande.

Gli attacchi sono avvenuti durante lo svolgimento del Fespaco, ovvero la 25° edizione del festival del Cinema e della Televisione Panafricana a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso. L’evento attira decine di migliaia di appassionati di cinema provenienti da tutto il mondo. Il governo aveva assicurato di aver adottato tutte le misure necessarie per proteggere il festival che rappresenta una grande opportunità, non solo per il paese, ma anche per tutto il continente africano.

Il gruppo terroristico, Ansarul Islam, che ha lasciato la sua firma sulla scena dell’ultimo attentato, è attivo nel nord del Burkina Faso. Il gruppo, capeggiato da Malam Ibrahim Dicko, di nazionalità burkinese, ha rivendicato l’attacco contro l’esercito di Nassoumbou avvenuto nella provincia di Soum che ha provocato 12 vittime, il 16 dicembre 2016.

Il nord del Burkina Faso, che confina con il Mali e il Niger, è stato teatro di attacchi terroristici a partire dal 2015. L’attentato jihadista contro lo Splendid Hotel, avvenuto il 15 gennaio 2016, è stato il più letale mai perpetrato in Burkina Faso. Un commando di tre militanti ha ucciso 30 persone, ferendone altre 71, nel cuore della capitale Ouagadougou. L’attacco è stato rivendicato da Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM).

Il Burkina Faso fa parte della Trans-Saharian Counter-Terrorism Initiative (TSCTI), ovvero, l’iniziativa di cooperazione intergovernativa militare per combattere il terrorismo nella regione del Maghreb e del Sahel.

Burkina Faso. Fonte: KingofWallpapers

Burkina Faso. Fonte: KingofWallpapers

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.