Algeria: ISIS rivendica l’attacco a Costantine

Pubblicato il 28 febbraio 2017 alle 8:58 in Africa Algeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ISIS ha rivendicato l’attacco sventato dal poliziotto algerino a Costantine, in Algeria.

The New Arab ha riportato che il gruppo terroristico, in un comunicato pubblicato su internet, ha reso noto che “un fratello in cerca di martirio ha detonato una borsa carica di esplosivo presso la stazione di polizia di Costantine uccidendo diverse persone e ferendone molte altre”. In realtà, la polizia locale ha confermato che un agente è stato in grado di sventare l’attacco sparando contro la cintura esplosiva dell’attentatore mentre questo stava avanzando verso la stazione.

In un comunicato, le autorità hanno riferito che “un poliziotto appostato di fronte al quartier generale della polizia, davanti ad un palazzo che ospita una decina di famiglie, è intervenuto energicamente ed eroicamente colpendo con precisione la cintura esplosiva dell’attentatore”. L’episodio è avvenuto domenica intorno alle 9 di sera. Secondo fonti locali, nell’esplosione sarebbero rimasti feriti due ufficiali. Il ministro degli interni Noureddine Berdoui, in un intervento televisivo, ha confermato l’attacco senza riferire ulteriori dettagli.

La scorsa settimana l’esercito algerino ha riferito di aver ucciso 14 terroristi nel corso di un’operazione nella regione di Bouria, a 125 chilometri a sud-est della capitale Algeri. Nonostante l’adozione della Chart for Peace and National Reconciliation, nel 2005, con l’obiettivo di superare la guerra civile algerina del 1991-2201 in cui sono morte 200,000 persone, i gruppi islamisti sono rimasti attivi nel sud-est del paese, colpendo soprattutto le forze armate. In particolar modo, organizzazioni legate ad al-Qaeda e all’ISIS si nascondono nelle aree montagnose e desertiche del sul dell’Algeria. Le autorità algerine hanno riferito che, dall’inizio del 2017, sono stati uccisi almeno 22 terroristi.

Lo scorso 7 dicembre, il direttore generale della polizia algerina, Generale Abdelghani Hamel, in una conferenza stampa della polizia araba in Tunisia, ha affermato chel’Algeria è uno Stato che vanta grandi successi nella lotta contro il terrorismo”, aggiungendo che, nonostante il suo paese stia affrontando la minaccia islamista da solo contando sulle proprie forze armate, è riuscito a adottare un approccio multidimensionale efficiente, in grado di limitare l’attività dei terroristi.

Costantine, Algeria. Fonte: Wikimedia Commons

Costantine, Algeria. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.