Si allentano le tensioni nel nord del Mali

Pubblicato il 27 febbraio 2017 alle 7:16 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha dichiarato, durante la visita al presidente del Mali, Ibrahim Boubacar, venerdì 24 febbraio, che il processo di pace nel nord del Mali è sulla “buona strada”, grazie alla creazione delle pattuglie miste composte dai soldati dell’esercito e i gruppi armati ex-ribelli.

Dopo molteplici ritardi nell’attuazione dell’accordo di pace, promosso dall’ONU nel 2015, l’esercito maliano, i combattenti del gruppo pro-governativo e il gruppo ribelle tuareg, hanno concordato la creazione di un esercito unitario per insediarsi nelle regioni di Kidal, Gao e Timbuktu, entro la prossima settimana.

L’accordo prevede la composizione di un’autorità comune per combattere i militanti jihadisti, insediatisi nel 2012 nel nord del Mali dopo aver scacciato le autorità governative. L’autorità composita rimarrà in vigore fino a quando si svolgeranno le elezioni regionali e si sarà ristabilita la pace nel territorio.

L’accordo riguardo la composizione delle autorità unificate è stato faticosamente raggiunto dopo mesi di controversie tra la fazione pro-governativa e la fazione anti-governativa del gruppo armato Tuareg e il governo di Bamako, capitale del Mali.

I tentativi di pace non sono stati tutti pacifici. Nel 2014 un tentativo da parte delle autorità di Bamako di visitare il covo dei ribelli tuareg nella città di Kidal ha portato a pesanti scontri tra l’esercito e i combattenti locali, che alleandosi con le milizie jihadiste, hanno costretto l’esercito a ritirarsi.

I soldati maliani hanno organizzato la loro prima pattuglia congiunta con gli ex gruppi ribelli, giovedì 23 febbraio, contro le milizie jihadiste nella città di Gao. La città è stata protagonista dell’attacco più sanguinoso nella storia del paese dove hanno perso la vita circa 77 persone nel mese di gennaio 2017.

Il Ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha dichiarato: “Non lasceremo che i terroristi abbiano successo. Le azioni comuni stanno dando i suoi frutti”.

Jean-Yves Le Drian si è impegnato nell’intervento militare che la Francia ha condotto in Mali e nella regione del Sahel nel 2013 per contrastare la forza jihadista che si è tutt’ora rifugiata nella vicina Burkina Faso.

Divisioni amministrative in Mali. Fonte: Wikimedia Commons

Divisioni amministrative in Mali. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.