Kuczynski a Washington difende le posizioni dell’America Latina

Pubblicato il 27 febbraio 2017 alle 15:59 in America Latina Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Presidente del Perù Pedro Pablo Kuczynski si è fatto portavoce dei timori dell’America Latina rispetto alla nuova amministrazione USA.

Pedro Pablo Kuczynski, primo capo di stato latinoamericano ad essere ricevuto alla Casa Bianca, ha assicurato a Trump il prosieguo delle buone relazioni bilaterali, ma al contempo ha espresso al Presidente americano i timori di un intero continente.

Protezionismo e immigrazione i temi più caldi sul tavolo. Il primo, in concomitanza con la crisi economica del Brasile, minaccia la crescita economica del Perù e di tutta l’America Latina. La politica migratoria del Presidente Trump sembra rivolta direttamente contro i latinoamericani.

L’America latina deve crescere di più – ha dichiarato Kuczynski – e dobbiamo lavorare insieme per renderlo possibile. A Trump che lamenta accordi vigenti svantaggiosi per gli Stati Uniti con i paesi della regione, il Presidente del Perù ha risposto che il Perù non è solo esportatore, ma importa beni e servizi da Washington.

Il Presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski. Fonte: Wikimedia commons

Il Presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski. Fonte: Wikimedia commons

Kuczynski ha sottolineato la bassa percentuale di immigrati peruviani che hanno commesso delitto in territorio statunitense e, pur senza entrare direttamente nel merito della controversia tra Washington e Città del Messico, ha ricordato che Lima “preferisce i ponti ai muri”.

Altro tema caldo l’ordine di cattura per l’ex presidente del Perù Alejandro Toledo. Secondo la giustizia del paese latinoamericano Toledo si trova negli Stati Uniti, tra Stanford e Palo Alto, in California. Gli Stati Uniti non hanno l’obbligo di consegnare Toledo prima di una eventuale condanna definitiva. Kuczynski ha sottolineato come la vicenda sia seguita dalle autorità giudiziarie peruviane e non dal governo.

Nonostante le posizioni distanti, il governo di Lima ha definito “costruttivo e cordiale” il dialogo con Trump.

Kuczynski ha successivamente tenuto una conferenza all’Università di Princeton dove ha espresso la volontà di guidare una rivoluzione tecnica e scientifica in Perù, che coinvolga il sistema di istruzione e comporti la crescita infrastrutturale e industriale del paese. Lo ha reso noto la Presidenza della Repubblica peruviana in un comunicato stampa.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.