Il presidente dello Zimbabwe all’età di 93 anni decide di ricandidarsi alle prossime elezioni

Pubblicato il 26 febbraio 2017 alle 12:59 in Africa Zimbabwe

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il capo di Stato più anziano al mondo, Robert Mugabe, ha festeggiato il suo compleanno con più di diecimila sostenitori nella città di Bulawayo, situata a sud-ovest del paese, il 25 febbraio 2016.

Durante la celebrazione il presidente ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di lasciare il potere e di volersi ricandidare alle prossime elezioni.

All’interno del partito di governo ZANU-PF, alcuni membri hanno chiesto a Mugabe di dimettersi e scegliere il suo successore prima di andare in pensione. Tuttavia, il presidente ha dichiarato di non voler rinunciare al potere e, se il partito non venisse rieletto, si dimetterebbe, lasciando al congresso il compito di scegliere un nuovo leader. Mugabe pertanto vede la nomina del suo successore come un’ imposizione al partito.

Molti in Africa vedono Mugabe come un nazionalista che ha combattuto contro il colonialismo e contro le potenze occidentali “neo-imperialiste”, altri invece lo biasimano per aver distrutto l’economia del paese, una volta conosciuto come il “granaio dell’Africa”.

I funzionari del partito ZANU-PF hanno dichiarato che sono stati spesi centinaia di migliaia di dollari per organizzare la festa di compleanno del presidente. Molti infatti lo hanno criticato argomentando che i soldi sarebbero potuti essere utilizzati per altre finalità data la crisi economica che sta affliggendo il paese.

Nel 2009 l’iperinflazione ha imposto allo Zimbabwe di adottare valute estere a seguito del crollo della valuta nazionale. La situazione economica del paese è critica: le cliniche sono senza medicine, le banche a corto di contanti, le strade dissestate, la disoccupazione è in aumento, la polizia estorce denaro ai viaggiatori e la fame minaccia milioni di persone.

Una serie di proteste sono scoppiate recentemente per il fallimento del presidente Mugabe nel risollevare il paese dalla crisi economica. I leader dell’opposizione, Morgan Tsvangirai e l’ex vicepresidente Joice Mujuru, hanno organizzato una grande manifestazione contro il presidente Mugabe nell’agosto 2016.

Secondo i funzionari pubblici, lo Zimbabwe spende almeno l’80% delle sue entrate per pagare i salari dei lavoratori statali mentre circa il 90% della popolazione non ha nessuna occupazione formale.

Presidente della Repubblica dello Zimbabwe, Robert Mugabe. Fonte: President of Russia

Presidente della Repubblica dello Zimbabwe, Robert Mugabe. Fonte: President of Russia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.