Angola: Vicepresidente accusato di corruzione dal Portogallo

Pubblicato il 26 febbraio 2017 alle 7:14 in Africa Angola

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro nei confronti del vicepresidente angolano, Manuel Vicente, da parte delle autorità del Portogallo, è considerata dall’Angola come un “grave attacco”.

Il Ministero degli Esteri angolano ha dichiarato in un comunicato che l’accusa al vicepresidente è considerata ostile e critica il modo in cui le autorità portoghesi hanno diffuso la notizia. Il Ministero ha aggiunto che l’accusa a Manuel Vincente potrebbe compromettere le buone relazioni tra i due Stati.

L’ufficio del Procuratore generale di Lisbona ha accusato Vicente di aver corrotto un magistrato quando era amministratore delegato della Sonangol, compagnia petrolifera di Stato. I dettagli dell’accusa non sono stati dichiarati ufficialmente.

La carica di amministratore delegato della Sonangol è molto influente, in quanto l’Angola è il secondo maggior produttore di petrolio in Africa. Tuttavia, Vicente non è visto come un possibile successore al Presidente Jose Eduardo dos Santos, che ha dichiarato di non ricandidarsi alla presidenza dopo essere stato 38 anni al potere. Il Movimento popolare di liberazione dell’Angola (MPLA), ha nominato Joao Lourenco, Ministro della Difesa, come prossimo candidato alla presidenza.

L’Angola, ex colonia portoghese, vede l’accusa a Vicente come un atto di vendetta da parte degli ex colonizzatori.

Le istituzioni finanziarie internazionali, come il Fondo monetario internazionale (FMI), hanno sollevato preoccupazioni riguardo la gestione dei profitti del settore petrolifero angolano, in quanto la maggior parte della popolazione vive in condizioni di estrema povertà.

L’Angola è un ex colonia portoghese uscita nel 1975 da una lunga guerra di liberazione e seguita da un altrettanto lunga guerra civile. Dopo la fine della guerra, l’economia angolana ha registrato notevoli crescite del PIL che si è quasi raddoppiato grazie alle esportazioni di petrolio.

José Eduardo dos Santos, capo del MPLA, è stato al potere dal 1979 ed è il secondo presidente in carica più duraturo dopo Teodoro Obiang della Guinea Equatoriale. Dos Santos tiene a stretto controllo tutti gli aspetti della vita politica dell’Angola, infatti, nel 2016, ha nominato sua figlia Isabel come amministratore delegato dell’azienda petrolifera statale Sonangol, aumentando i sospetti di voler mantenere il potere nei settori statali più produttivi.

Manuel Vicente. Fonte: Wikimedia Commons

Manuel Vicente. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.