ONU: 4.4 miliardi entro la fine del mese per evitare una catastrofe

Pubblicato il 25 febbraio 2017 alle 7:00 in Africa Sud Sudan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha dichiarato che l’ONU ha bisogno di 4.4 miliardi entro la fine del prossimo mese per evitare “una catastrofe” di fame e carestia in Sud Sudan, Nigeria, Somalia e Yemen.

Guterres ha dichiarato, mercoledì 22 febbraio, in conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite, che più di 20 milioni di persone soffrono la fame. La situazione è critica ed è necessario un rapido intervento per evitare un disastro umanitario.

Lunedì 20 febbraio, le Nazioni Unite hanno dichiarato lo stato di carestia in Sud Sudan. Inoltre, il Famine Early Warning Systems Network (FEWS NET), ovvero il sistema di allarme pre-carestia, ha dichiarato che alcune aree remote del nord-est della Nigeria sono già state colpite dalla fame dalla fine del 2016.

I quattro avvisi di carestia sono senza precedenti. Negli ultimi dieci anni un solo stato di carestia è stato dichiarato in Somalia, nel 2000, dove più di 260.000 persone sono morte, la metà delle quali erano bambini al di sotto dei cinque anni, secondo il Programma Alimentare Mondiale (PAM) delle Nazioni Unite.

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) ha dichiarato che quasi 1.4 milioni di bambini sono affetti da malnutrizione acuta in Nigeria, Somalia, Sud Sudan e Yemen e rischiano di morire di fame nei prossimi mesi.

Dei quattro avvisi di carestia, solo uno, in Somalia, è causato dalla siccità, mentre gli altri tre sono il risultato dei conflitti interni ai paesi. Infatti, la causa della crisi è descritta come “man-made food crisis“, ovvero crisi alimentare creata dall’uomo.

Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Fonte: www.moroccoworldnews.com

Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Fonte: www.moroccoworldnews.com

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.