Immigrazione: il Marocco vuole collaborare con l’Italia

Pubblicato il 25 febbraio 2017 alle 12:32 in Italia Marocco

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ambasciatore marocchino, Hassan Abouyoub, ha affermato che il Marocco e l’Italia dovrebbero collaborare insieme per fare investimenti in Africa, in modo da regolare il fenomeno migratorio verso l’Europa.

“L’Italia ha un potenziale tecnologico e qualità organizzative in specifici settori, come quello edilizio, che sarebbero molto utili per sostenere gli investimenti che noi abbiamo già fatto in Africa”, ha spiegato Abouyoub.

Il Marocco da tempo investe nei paesi africani, soprattutto per favorire la loro crescita e per alleviare le cause del fenomeno migratorio. Il sistema bancario marocchino è presente in circa 40 Stati africani e la compagnia aerea nazionale Royal Air Maroc viaggia in 40 capitali dell’Africa ogni giorno. Ad avviso dell’ambasciatore, l’Italia e il Marocco “hanno tutto da guadagnare da un’offerta comune verso i paesi africani”.

Ieri, Abouyoub si è schierato contro la costruzione di campi in Nord Africa, dove dovrebbero essere mandati i migranti intercettati in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa. “Parcheggiare gli esseri umani non è accettabile, non voglio dare lezioni all’Europa, ma tali misure di sicurezza in risposta ai flussi migratori non sono accettabili”, ha spiegato l’ambasciatore marocchino, aggiungendo che le politiche del Marocco mirano a un approccio collettivo di solidarietà e di responsabilità condivisa, basato sull’abbattimento delle cause di origine dell’immigrazione.

Il 22 febbraio, il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, ha affermato che l’Europa dovrebbe fare ingenti investimenti in Africa per fermare il flusso dei migranti. In linea con la politica marocchina, l’UE dovrebbe impegnarsi a sostenere i paesi africani per risolvere alcune questioni fondamentali causa di migrazione, quali la siccità e la malnutrizione.

L’International Organization fo Migration (IOM), ha stimato che, dal primo gennaio al 22 febbraio 2017, in Europa sono sbarcati 13,924 profughi, mentre i migranti che sono morti nel Mediterraneo sono 366.

Barconi di migranti. Fonte: Wikimedia Commons

Barconi di migranti. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.