Due tedeschi rapiti in Nigeria

Pubblicato il 23 febbraio 2017 alle 10:03 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due archeologi provenienti dall’Università Goethe di Francoforte in collaborazione con la Commissione nazionale dei musei e dei monumenti della Nigeria, sono stati rapiti mercoledì 22 febbraio vicino la capitale, Abuja.

Il professor Peter Breunig e il suo associato Johannes Behringer sono stati rapiti mentre lavoravano negli scavi archeologici del villaggio Jaiela, a 30 km di distanza dalla strada che collega la capitale Abuja e la città di Kaduna.

Il portavoce della polizia di Stato, Aliyu Usman, ha dichiarato che il rapimento è stato confermato da alcune persone locali e che le autorità nigeriane sono entrate immediatamente in azione nella missione di salvataggio. Il portavoce ha aggiunto che i rapitori non hanno ancora contattato le autorità per richiedere un riscatto.

Lungo la strada che collega la capitale Abuja e la città di Kaduna sono avvenuti numerosi rapimenti nel corso degli anni precedenti come, per esempio, il rapimento dell’Alto Commissario della Sierra Leone avvenuto nel luglio 2016.

Le forze di sicurezza nigeriane sono preoccupate riguardo la chiusura temporanea dell’aeroporto di Abuja che, a causa di ristrutturazioni, non sarà agibile per 6 settimane a partire dall’8 marzo 2017. Tutti i voli atterreranno nella città di Kaduna, perciò la strada in questione dovrà essere percorsa da tutti i passeggeri diretti verso la capitale.

Alcuni diplomatici e lavoratori internazionali si sono rifiutati di utilizzare l’aeroporto di Kaduna e alcune ambasciate ad Abuja hanno dichiarato che limiteranno gli spostamenti durante il periodo di riparazione dell’aeroporto centrale. Il governo nigeriano ha assicurato che rafforzerà la sicurezza dell’aeroporto per renderlo sicuro.

Ultimamente la città di Kaduna è stata anche teatro di violenza tra pastori e agricoltori a causa della scarsità di risorse.

Strada in Nigeria. Fonte: Wikimedia Commons

Strada in Nigeria. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.