Il presidente del Gambia ha ordinato il rilascio di 171 prigionieri

Pubblicato il 20 febbraio 2017 alle 18:44 in Africa Gambia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Adama Barrow, neo-presidente del Gambia, ha rilasciato tutti i prigionieri detenuti senza processo.

Da quando è in corso la transizione democratica in Gambia, il presidente Barrow ha più volte dichiarato di voler fermare gli abusi sui diritti umani commessi dall’ex-dittatore Yahya Jammeh. Il primo passo di Barrow è stato di ordinare il rilascio di tutti i prigionieri detenuti senza aver subito un  processo durante il regime di Jammeh.

Il presidente Barrow lo ha annunciato durante la cerimonia di inaugurazione del nuovo governo, sabato 18 febbraio.

Il regime di Yahya Jammeh, caratterizzato da oppressioni, sparizioni e detenzioni senza processo, ha creato un clima di terrore costringendo migliaia di persone a fuggire dal paese.

Barrow ha assicurato che il Procuratore generale e il Ministro della Giustizia riceveranno le informazioni necessarie per indagare riguardo alle sparizioni avvenute durante i 22 anni di regime. Inoltre sarà istituita un’apposita Commissione per la conduzione delle indagini.

Il presidente Barrow ha dichiarato che: “Questo è un giorno di vittoria per i politici gambiani che per decenni hanno dovuto sopportare arresti e intimidazioni da parte dei servizi di sicurezza”.

Il presidente, dopo aver condannato le politiche repressive di Jammeh, ha avanzato delle proposte a livello internazionale, ovvero, di voler rimanere sotto la giurisdizione della Corte Penale Internazionale, e di voler rientrare a far parte del Commonwealth.

Inoltre, durante la cerimonia, Barrow ha dichiarato che nel suo primo discorso all’Assemblea Nazionale annuncerà importanti riforme costituzionali e legislative atte a garantire i diritti fondamentali dei cittadini.

Adama Barrow è salito al potere il 19 gennaio 2017 dopo aver vinto le elezioni presidenziali che lo hanno favorito rispetto l’ex-dittatore Yahya Jammeh, il quale, rifiutando di cedere il governo, ha costretto Barrow a rifugiarsi in Senegal. La pressione internazionale e l’intervento militare delle forze regionali (ECOWAS), intervenute per facilitare la transizione democratica, hanno esortato l’ex-presidente ad accettare la sua sconfitta e ad andare in esilio in Guinea Equatoriale.

Presidente del Gambia, Adama Barrow. Fonte: www.rfi.fr

Presidente del Gambia, Adama Barrow. Fonte: www.rfi.fr

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.