Attentato a Bogotà: 30 feriti

Pubblicato il 20 febbraio 2017 alle 10:10 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità parlano di attentato terrorista contro la polizia della capitale ed escludono che il fatto sia legato alle manifestazioni antitaurine che si svolgono ogni domenica nei pressi della Plaza de Toros.

Una bomba piena di 2 Kg di schegge metalliche è esplosa alle 10.36 di domenica 19 febbraio nel quartiere di La Macarana, a poca distanza dalla Plaza de Toros La Santa María. Secondo i primi dati forniti dalle autorità della capitale colombiana l’esplosione ha causato 30 feriti, 26 poliziotti e 4 civili.

Intorno alla Plaza de Toros era previsto un grande dispositivo di sicurezza, in concomitanza con la celebrazione della corrida. Dallo scorso 23 gennaio, inizio della prima stagione taurina di Bogotà dopo 5 anni di stop, ogni domenica si susseguono manifestazioni animaliste contro le corride.

La corrida si è celebrata normalmente poiché l’esplosione non ha niente a che vedere con le manifestazioni animaliste o antitaurine – ha reso noto Hoover Penilla, capo della polizia di Bogotà. Il direttore della Polizia Nazionale Jorge Nieto, tuttavia, ha assicurato che non si può ancora scartare nessuna pista ed ha disposto un team di supporto alle forze di sicurezza della capitale.

Il quartiere di La Macarena è stato messo in sicurezza e chiunque voglia recarsi alla Plaza de Toros può farlo senza timore – ha dichiarato poche ore dopo l’esplosione il Sindaco Enrique Peñalosa, sottolineando come la bomba fosse rivolta contro la polizia e assicurando che le autorità faranno di tutto pur di catturare gli attentatori. Il sindaco ha inoltre assicurato che i 34 edifici che hanno subito danni a causa dell’esplosione saranno riparati a spese del comune.

Solidarietà alla polizia della capitale è stata espressa dal Presidente Juan Manuel Santos, che nel pomeriggio di domenica si è recato in visita agli agenti feriti dall’esplosione presso l’Ospedale Centrale della Polizia Nazionale.

Il ministro dell’interno Juan Fernando Cristo e le autorità di polizia non scartano per il momento l’ipotesi che l’attentato sia relazionato ad un’esplosione avvenuta sabato notte in un locale alla periferia nord-est di Bogotà che non aveva causato feriti. Il sindaco Peñalosa ha invece assicurato che i due eventi non hanno legami essendo l’esplosione del sabato legata al racket delle estorsioni.

Quella di domenica è la quarta bomba che esplode nella capitale colombiana nelle ultime sei settimane. Già alla fine di dicembre oggetto dell’attacco era stata la polizia di Bogotà.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

La Plaza de Toros di Bogotà. Fonte: Wikimedia Commons

La Plaza de Toros di Bogotà. Fonte: Wikimedia Commons

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.