Tanzania indaga su presunta tortura sui deportati dal Mozambico

Pubblicato il 17 febbraio 2017 alle 15:58 in Africa Tanzania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo tanzaniano sta indagando su 132 casi di tortura e abuso di potere su connazionali deportati dal Mozambico.

Il Viceministro degli Affari Esteri tanzaniano, Suzan Kolimba, ha dichiarato che l’ambasciatore in Mozambico sta lavorando a stretto contatto con le autorità del paese per contenere la situazione e indagare sui presunti abusi dei diritti umani contro i cittadini tanzaniani in Mozambico.

Il Viceministro della Tanzania ha aggiunto che l’ambasciatore si recherà nel luogo dove sono stati riscontrati gli abusi sui civili, nella città di Montepuez, nel nord del Mozambico dove risiedono circa 3.000 cittadini tanzaniani impegnati in varie attività economiche. Le indagini non si soffermeranno solo sugli abusi contro i cittadini tanzaniani, ma anche sulle condizioni umanitarie di tutti gli stranieri che non possiedono la documentazione prevista dalla normativa sull’immigrazione del Mozambico.

Il governo tanzaniano sta lavorando per indagare sulle accuse di tortura, abuso di potere, sequestro di beni e maltrattamenti denunciati da civili tanzaniani in Mozambico e assicura di offrire supporto e assistenza in collaborazione con i commissari regionali, i funzionari di immigrazione e l’ufficio regionale criminale per fornire le prove delle accuse per individuare i responsabili.

La Tanzania e il Mozambico hanno rapporti stabili. Il Viceministro ha dichiarato che i due paesi si impegnano a mantenere buoni rapporti di “vicinato”.

In Mozambico è in corso una crisi politica scaturita dal conflitto tra il partito di governo FRELIMO, Frente de libertacao de Mocambique (fronte di liberazione del Mozambico), e il maggiore partito di opposizione RENAMO, Resistenca nacional mocambicana (Resistenza nazionale mozambicana). Le tensioni in Mozambico hanno messo a repentaglio anche la sicurezza dei cittadini tanzaniani che vivono nelle zone di confine. Molti residenti che vivevano lungo il confine nazionale sono stati costretti a fuggire dalle loro case per evitare di essere uccisi o rapiti dai combattenti di entrambe le fazioni. Molti cittadini vivono in pessime condizioni senza cibo né acqua in baracche costruite in situazioni di emergenze.

Mappa Mozambico. Fonte: www.africaguide.com

Mappa Mozambico. Fonte: www.africaguide.com

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.