Il Presidente dell’Uruguay Vázquez in Finlandia

Pubblicato il 16 febbraio 2017 alle 11:30 in America Latina Uruguay

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Uruguay ha fatto fronte alla crisi economica dei suoi principali partner, Brasile e Argentina, grazie all’industria della cellulosa finanziata da Helsinki, che ha garantito investimenti, impiego ed esportazioni.

Il Presidente dell’Uruguay, Tabaré Vázquez, accompagnato dai ministri dell’economia, dei trasporti e dell’industria, si è recato in visita ufficiale in Finlandia. Obiettivo dichiarato del viaggio è sbloccare la costruzione della terza fabbrica di cellulosa dell’impresa finlandese UPM-Botnia nel paese latinoamericano.

Vázquez è stato ricevuto dall’omologo finlandese Sauli Niinistö, mentre i ministri Astori (Economia), Rossi (trasporti) e Cosse (industria) si sono riuniti con i ministri finlandesi Berner e Lintila e con la dirigenza della UMP. I tre ministri hanno avuto inoltre contatti con Antti Vehvilainen, Direttore dell’Agenzia dei Trasporti finlandese.

L’impresa finlandese ha infatti posto come condizione a Montevideo un totale rinnovamento del sistema di trasporti del paese, in particolare delle ferrovie. Helsinki chiede un sistema ferroviario in grado di trasportare 2000 tonnellate di cellulosa, contro le 800 tonnellate attuali.

Il governo di Montevideo, pur in assenza del Presidente che dopo Helsinki si recherà a Mosca, ha approvato in tutta fretta il Plan Nacional Estratégico de Infraestructurasun piano di rinnovamento delle strade, dei treni merci, dei collegamenti ferroviari dei porti. L’Uruguay ha tuttavia bisogno di investimenti esteri per portare a termine il progetto, il cui costo si aggira attorno ai 12 miliardi di dollari e che si vuole concluso entro 36 mesi.

Prima di recarsi in Finlandia, Vázquez aveva fatto tappa a Berlino e Amburgo, riunendosi in entrambe le città con imprenditori tedeschi e assicurando loro che l’Uruguay è “un ottimo paese per investire”.

Il boom della cellulosa in Uruguay si deve principalmente alla politica di riforestazione lanciata nel 1987 dal presidente Julio María Sanguinetti.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

Il Presidente dell'Uruguay, Tabaré Vázquez. Fonte: Wikimedia Commons

Il Presidente dell’Uruguay, Tabaré Vázquez. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo gover …

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.