Ministero Affari Esteri del Pakistan: Jamaat-ul-Ahrar lancia attacchi da postazioni afghane

Pubblicato il 15 febbraio 2017 alle 16:21 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un funzionario del Ministero degli Affari Esteri (MoFA) pachistano ha incontrato ieri a Islamabad Syed Abdul Nasir Yousafi, Vice-capo della missione afghana, convocato per aggiornamenti sugli attacchi terroristici compiuti sul suolo pachistano da gruppi militanti operativi in Afghanistan.

Tasnim Aslam, Segretario Aggiunto delle Nazioni Unite e della Commissione Europea (UN&EC), ha espresso preoccupazione per i gravi attacchi avvenuti in Pakistan ad opera dei talebani pachistani del gruppo Jumaat-ul-Ahrar (JuA) tramite santuari operativi in Afghanistan.

Bandiera del Pakistan. Fonte: Pixabay

Bandiera del Pakistan. Fonte: Pixabay

Aslam ha fatto sapere a Yousafi che le autorità afghane erano già state messe al corrente di congiunte operazioni di intelligence tra i due paesi. Il Pakistan avrebbe fatto pressioni sull’Afghanistan per convincere il governo afghano a eliminare i talebani e a distruggerne le basi operative in Afghanistan, come pure a ripulire il paese dai finanziatori e dai facilitatori attivi in territorio afghano.

Il Segretario Aggiunto UN&EC ha trasmesso a Yousafi un report dettagliato, contenente informazioni sui recenti attentati terroristici, tra cui l’attacco suicida che ha sorpreso Lahore lunedì 13 febbraio, durante una manifestazione di protesta indetta dai farmacisti della città, dove sono morte 13 persone e oltre 100 sono rimaste ferite. Parti del corpo dell’attentatore saranno sottoposte al test del DNA per stabilire l’identità del kamikaze. Gli inquirenti hanno affermato che l’attacco mirava a colpire gli alti ufficiali della polizia pachistana. Nel frattempo, le agenzie di law enforcement del Punjab hanno lanciato un piano di azione per debellare le organizzazioni militanti operative nella provincia.

Jamaat-ul-Ahrar, gruppo di talebani pachistani legati all’organizzazione Tehreek-i-Taliban Pakistan, ha rivendicato la responsabilità dell’attentato a Lahore. Nel comunicato diffuso dai talebani affiliati al gruppo, compaiono fotografie che ritraggono l’attentatore.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.