I prezzi dei prodotti alimentari aumentano in Africa orientale

Pubblicato il 15 febbraio 2017 alle 10:03 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Martedì 14 febbraio, la United Nations Food and Agriculture Organization (FAO) ha dichiarato che in Africa orientale, a causa della siccità, i prezzi dei beni di prima necessità si sono notevolmente alzati.

L’organizzazione ha sottolineato che un forte aumento dei prezzi dei generi alimentari potrebbe condurre a una nuova carestia. 

Alcuni mercati hanno raddoppiato i prezzi dei cereali di base, come mais e orzo, raggiungendo prezzi record nelle città di Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Uganda e Tanzania. “Il forte aumento dei prezzi limita l’accesso al cibo a un gran numero di famiglie, con conseguenze allarmanti in termini di sicurezza alimentare“, ha affermato Mario Zappacosta, economista senior della FAO, in un comunicato.

Il livello dei prezzi in Africa orientale è in contrasto con l’andamento stabile registrato dal Global Food Price Index, che misura le variazioni mensili dei prezzi per un paniere che comprende cereali, semi oleosi, prodotti lattiero-caseari, carne e zucchero, ha dichiarato la FAO.

L’organizzazione ha sottolineato che le colture in Africa orientale hanno subito una contrazione dovuta alla mancanza d’acqua, aggravata dal fenomeno climatico El Nino, e alle scarse e irregolari precipitazioni degli ultimi mesi. Circa 12 milioni di persone in Etiopia, Kenya e Somalia sono a rischio carestia a causa della siccità ricorrente, secondo i dati dell’agenzia delle Nazioni Unite.

Inoltre, i prezzi elevati dei beni di prima necessità rappresentano un’ulteriore sfida per i pastori nomadi, dal momento che la carenza d’acqua e di pascoli aveva già avuto un impatto negativo sugli animali, costringendo i pastori ad abbassare i prezzi del bestiame.

La Food and Agriculture Organization, nata in Canada il 16 ottobre 1945, è un’agenzia delle Nazioni Unite che guida gli sforzi internazionali per sconfiggere la fame. Collabora sia con i paesi sviluppati che con quelli in via di sviluppo. Il direttore dell’organizzazione è José Graziano da Silva e la sua sede si trova a Roma.

Logo della United Nations Food and Agriculture Organization (FAO). Fonte: Wikipedia

Logo della United Nations Food and Agriculture Organization (FAO). Fonte: Wikipedia

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.