Membri del personale militare afghano accusati di corruzione

Pubblicato il 14 febbraio 2017 alle 17:48 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero della Difesa dell’Afghanistan ha autorizzato corti militari speciali ad avviare una serie di indagini per il presunto coinvolgimento di alcuni membri del personale militare in reati di corruzione e frode. Le indagini dei procuratori militari sono tese ad accertare presunte violazioni di norme professionali, cattiva condotta, abuso di autorità e truffa.

Mohammad Radmanish, portavoce del Ministero della Difesa, ha riferito che sono stati registrati oltre 1.000 casi di corruzione in cui sono implicati membri del personale militare. Radmanish ha detto: “Secondo le informazioni in mio possesso, i casi di corruzione coinvolgono non solo soldati, ma anche generali di alto rango”. Jamshid Rasouli, portavoce dell’Ufficio del Procuratore Generale (AGO), ha fatto sapere che oltre 125 casi sono stati processati e riferiti alle corti competenti, in attesa dell’azione legale. Per alcuni di questi casi, le corti hanno già emesso le rispettive sentenze.

Bandiera dell'Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons (23 giugno 2014)

Bandiera dell’Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons (23 giugno 2014)

Le stime riferiscono che nell’anno solare in corso, 400 casi di corruzione hanno chiamato in causa il personale della polizia nazionale afghana (Afghan National Police – ANP).

Gli esperti fanno notare che la corruzione dei quadri militari potrebbe inficiare il lavoro delle forze di sicurezza afghane. L’esperto militare Atiqullah Amarkhail, ad esempio, ritiene che la corruzione nei quadri dell’esercito sia responsabile della diffusione di comportamenti scorretti, che aumentano la probabilità di infiltrazioni e irregolarità, e del disaffezionamento dei cittadini all’esercito.

In cima alla lista dei casi di corruzione che coinvolgono il personale di sicurezza, compaiono la vendita di armi e carburante, e la questione dei cosiddetti “soldati fantasma“, soldati inesistenti ma dichiarati operativi per “gonfiare” i compensi dei generali.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.