Shinzo Abe prepara l’incontro con Trump

Pubblicato il 10 febbraio 2017 alle 9:30 in Asia Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Primo Ministro del Giappone, Shinzo Abe, proporrà un nuovo meccanismo di dialogo ministeriale Usa-Giappone durante il suo incontro con il presidente Trump, venerdì 10 gennaio.

Il dialogo verterà su temi come la sicurezza, il commercio, la macroeconomia e la politica monetaria, secondo quanto dichiarato da un ufficiale del governo giapponese.

Shinzo Abe partirà per Washington giovedì 09 febbraio e incontrerà Donald Trump venerdì 9. Il premier del Giappone spera che le sue promesse per la creazione di posti di lavoro negli Stati Uniti e per l’aumento delle spese per la difesa nipponica possano alleviare la tensione su temi quali il commercio e la politica monetaria e convincere Trump a rispettare l’alleanza storica con il Giappone.

“In una situazione in cui la sicurezza nella regione dell’Asia-Pacifico è così tesa, è molto importante mostrare ai nostri due paesi e al mondo che l’alleanza Usa-Giappone è salda e incrollabile”, ha dichiarato il Segretario del Capo di Gabinetto del Giappone, Yoshihide Suga, durante una conferenza stampa.

La sicurezza nell’Asia-Pacifico sarà uno dei temi più importanti del vertice tra i due leader, insieme al tentativo di rafforzare i rapporti di cooperazione economica.

Trump ha indicato il Giappone, insieme alla Cina e al Messico, come uno dei paesi causa del deficit commerciale degli Usa, accusando soprattutto l’industria automobilistica nipponica di essere dannosa per l’economia americana. Il neo presidente Usa ha anche affermato che Tokyo sta usando la sua politica monetaria per svalutare la moneta e favorire le esportazioni.

“Facciamo ricorso a politiche di easing monetario e a riforme strutturali per evitare la deflazione. Non entriamo in nessun gioco di svalutazione monetaria per aumentare la competitività”, ha dichiarato un consigliere di Abe.

In materia di sicurezza, Trump durante la sua campagna elettorale aveva dichiarato che il Giappone non si faceva carico a sufficienza dei costi per la sicurezza, ma il Segretario alla Difesa Mattis, durante la sua visita in estremo oriente, ha ribadito la validità dell’alleanza Usa-Giappone in materia di sicurezza.

Shinzo Abe sarà a Washington accompagnato dal ministro della finanza Taro Aso e da quello degli esteri Fumio Kishida. Il premier del Giappone porterà con sé un pacchetto di misure pratiche per rafforzare i rapporti con gli Stati Uniti, che comprende la creazione di 700.000 posti di lavoro per lavoratori Usa da realizzare attraverso investimenti congiunti pubblico-privati nelle infrastrutture.

Trump, a pochi giorni dall’ingresso alla Casa Bianca, ha siglato l’ordine per l’uscita degli Stati Uniti dal TPP – Partenariato Trans-Pacifico, un accordo tra 12 paesi dell’Asia-Pacifico per creare una zona di libero scambio. L’accordo escludeva la Cina. Trump  ha anche dichiarato di voler firmare un accordo di libero scambio (FTA free trade agreement) bilaterale con Tokyo. Secondo gli analisti giapponesi, il meccanismo di dialogo ministeriale che Abe vuole proporre è un modo per guadagnare tempo e non intraprendere subito i negoziati per l’accordo di libero scambio.

Il PM giapponese, Shinzo Abe. Fonte: en.kremlin.ru

Il PM giapponese, Shinzo Abe. Fonte: en.kremlin.ru

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.