Rimandato l’interrogatorio alla presidente sospesa Park Geun-hye

Pubblicato il 9 febbraio 2017 alle 16:19 in Asia Corea del Sud

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli avvocati della presidente della Corea del Sud non hanno concesso al procuratore speciale di interrogarla, secondo quanto dichiarato da Lee Kyu-chul, portavoce dell’ufficio del procuratore.

La presidente Park Geun-hye è accusata di corruzione e sospesa dal ruolo di guida del paese, compito che è stato affidato ad interim al primo ministro. Park doveva essere interrogata in un luogo segreto giovedì 9 febbraio, ma l’ufficio della presidente ha comunicato ai procuratori che sta formulando una proposta di accordo sulle modalità e sui tempi con cui svolgerle l’interrogatorio.

“Non c’è stato alcun cambiamento, un interrogatorio faccia a faccia con la presidente è necessaio, ma non è stato ancora programmato quando verrà effettuato”, ha dichiarato Lee.

La comunicazione dell’ufficio presidenziale di voler programmare l’interrogatorio in altra data è avvenuta in seguito a  una fuga di informazioni e alla diffusione della notizia che la presidente sarebbe stata sentita dagli inquirenti giovedì 9 febbraio all’interno della sede presidenziale alla Blue House. Non è ancora chiaro perché la comunicazione data dai media abbia portato l’ufficio di Park a cancellare l’interrogatorio.

Park Geun-hye è stata sospesa dalla sua posizione di presidente della Corea del Sud, il 9 dicembre 2016, per accuse di corruzione ed è in attesa della decisione finale della Corte Costituzionale. L’accusa è quella di collusione con una sua vecchia amica Choi Soon-sil per mettere pressione ad alcune grandi aziende sudcoreane al fine di ottenere donazioni a due fondazioni che sostenevano le iniziative politiche della presidente. La presidente Park, in attesa del giudizio della Corte Costituzionale, è anche accusata di aver permesso a Choi di interferire in modo inappropriato negli affari di stato.

La presidente e la sua amica hanno negato le accuse. La scorsa settimana la Blue House, il palazzo presidenziale in cui Park risiede ancora, ha evitato una perquisizione da parte degli uomini dell’ufficio del procuratore, secondo fonti della sicurezza del palazzo.

La presidente della Corea del Sud Park Geun-hye. Fonte: Wikipedia Commons

La presidente della Corea del Sud Park Geun-hye. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.