Visita di stato del presidente argentino Macri in Brasile

Pubblicato il 8 febbraio 2017 alle 11:30 in America Latina Argentina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente argentino è il primo capo di stato straniero a visitare ufficialmente il Brasile dall’insediamento di Michel Temer dopo l’impeachment dell’ex presidente Dilma Rousseff.

Il presidente dell’Argentina Mauricio Macri si è recato in visita di stato a Brasilia per discutere dell’accordo Mercosur-UE e del rilancio del commercio fra i due paesi. Al di là delle motivazioni ufficiali della visita – l’Argentina è al momento presidente pro-tempore del Mercosur – il viaggio di Macri assume particolare importanza giacché il Presidente Argentino è il primo capo di stato straniero a recarsi in Brasile dall’insediamento di Michel Temer.

L’Argentina era stato il primo paese a riconoscere il governo Temer dopo l’impeachment della presidente Rousseff, e Temer aveva visitato il vicino meridionale nell’ottobre dello scorso anno.

Al di là dell’affinità ideologica con Temer piuttosto che con la Rousseff, l’economia argentina è strettamente legata a quella del vicino settentrionale. Il Brasile rappresenta il principale partner commerciale dell’Argentina, che è a sua volta il terzo partner commerciale di Brasilia. Il volume commerciale nel 2016 è stato di 22,5 miliardi di dollari, con un superavit di 4 miliardi a favore del Brasile. Nel 2014, prima dell’inizio della crisi politica ed economica in Brasile, il volume di scambi superava i 28 miliardi e il superavit per Brasilia era di soli 300 milioni di dollari.

Entrambi i presidenti hanno espresso la volontà di concludere l’accordo di libero scambio Mercosur-UE, che si procrastina ormai da 15 anni. Argentina e Brasile hanno inoltre espresso il comune accordo di confermare la sospensione del Venezuela dall’organizzazione di libero commercio sudamericana. Il Mercosur (Mercato libero del Sud) comprende oltre ad Argentina e Brasile, il Paraguay, l’Uruguay e appunto il Venezuela. Caracas era stata sospesa lo scorso dicembre per mancato compimento di 112 dei 300 requisiti politici, economici e legali previsti dall’organizzazione. Entro l’anno il Mercosur dovrebbe votare la definitiva espulsione del Venezuela.

Macri e Temer hanno discusso inoltre di migliorare l’integrazione economica, commerciale, sociale e culturale dei due paesi con l’America Latina nel suo complesso e dello sviluppo economico sostenibile dei due paesi. Dopo essere stato ricevuto dal Presidente brasiliano nel palazzo di Planalto, Macri si è riunito con i presidenti delle due camere brasiliane e con la presidente del Tribunale Supremo Federale.

Traduzione dallo spagnolo e dal portoghese e redazione a cura di Italo Cosentino

I presidenti di Argentina e Brasile. Fonte: Wikimedia Commons

I presidenti di Argentina e Brasile. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.