Tensione tra Bolivia e Argentina sull’immigrazione

Pubblicato il 8 febbraio 2017 alle 13:00 in America Latina Bolivia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del senato boliviano José Alberto González vola a Buenos Aires per esprimere il disappunto di La Paz sulla nuova politica migratoria argentina

La Bolivia considera offensivo il decreto con cui il presidente argentino Mauricio Macri ha indurito la politica migratoria del paese. Nelle scorse settimane Macri ha firmato una norma che facilita le espulsioni dall’Argentina di stranieri che commettano crimini e impedisce l’ingresso nel paese a persone con precedenti penali.

Il presidente della Bolivia Evo Morales ha paragonato Macri a Trump ed ha inviato a Buenos Aires una delegazione di alto livello, guidata dal Presidente del Senato, per esprimere il malessere del suo governo e al contempo tentare di ridurre la tensione.

I boliviani in Argentina temono un’ondata di xenofobia – ha fatto presente González – con la scusa della delinquenza vengono perseguite persone che sono venute qui per lavorare. Il governo argentino ha assicurato la delegazione boliviana sulle intenzioni del decreto, che esulano da ogni tipo di stigmatizzazione degli immigrati.

L’Argentina era e rimane un paese aperto – fanno sapere fonti governative di Buenos Aires. Alcune dichiarazioni del ministro della sicurezza Patricia Bullrich che mettevano in relazione immigrazione e delinquenza, tuttavia, hanno irritati i paesi confinanti. Lo scorso 27 gennaio il governo boliviano aveva emesso un comunicato ufficiale per respingere ogni illazione sulla relazione immigrazione boliviana=delinquenza.

Il Ministro aveva poi assicurato che l’Argentina non ha alcuna intenzione di costruire un muro alla frontiera con la Bolivia, come richiesto da alcuni deputati. Bullrich ha aggiunto che la nuova norma non ha nulla a che vedere con l’immigrazione, ma è un decreto che riguarda la delinquenza, sottolineando però che la nuova legge argentina è uguale a quella esistente in Bolivia che impedisce l’ingresso a persone con precedenti penali.

In Argentina, secondo stime ufficiali, vivono 1,2 milioni di boliviani.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

Bandiera della Bolivia. Fonte: pixabay.com

Bandiera della Bolivia. Fonte: pixabay.com

di Redazione

Articoli correlati

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Immigrazione USA e Canada

ACCORDO TRUMP-DEMOCRATICI SUL “PROGRAMMA PER I SOGNATORI”

Il presidente Donald Trump ha fatto un patto con i leader democratici per sostituire il programma Deferred Action for Children Arrivals (DACA), abrogato il 5 settembre

Immigrazione USA e Canada

USA-IMMIGRAZIONE: CORTE SUPREMA SI ESPRIME A FAVORE DEL BANDO DI TRUMP

La Corte Suprema degli Stati Uniti si è espressa a favore dell’entrata in vigore del bando anti-immigrati del presidente Donald Trump, che impedirà l’entrata negli Stati Uniti ai cittadini provenienti da diversi Paesi stranieri

America Latina Israele

NETANYAHU IN AMERICA LATINA: È LA PRIMA VOLTA DI UN PREMIER ISRAELIANO

Benjamin Netanyahu ha iniziato l’11 settembre 2017, la prima visita ufficiale di un capo di governo israeliano in America Latina, prima di recarsi all’Assemblea Generale dell’ONU, Netanyahu visiterà Buenos Aires e Città del Messico

Immigrazione Libia

INCONTRO TRA MINNITI E HAFTAR A BENGASI

Il ministro dell’Interno Marco Minniti ha incontrato il generale della Libyan National Army, Khalifa Haftar a Bengasi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.