Mosca smentisce presunti attacchi aerei a Idlib

Pubblicato il 8 febbraio 2017 alle 20:21 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, la città di Idlib, capitale dell’omonima provincia nordoccidentale della Siria, è stata colpita ieri da nuovi bombardamenti aerei russi, che hanno distrutto edifici e provocato almeno 26 morti e numerosi feriti. Come riportato in un articolo pubblicato su Al-Arabiya, è salito il bilancio delle vittime coinvolte nei presunti attacchi aerei a Idlib, che avrebbero preso di mira tre postazioni appartenenti a Jabhat Fateh al-Sham (ex Fronte al-Nusra), gruppo terroristico ex-qaedista che controlla gran parte della città siriana. Finora si conterebbero 46 morti, tra cui almeno 24 civili, che includerebbero 11 donne e 10 bambini.

Mosca ha prontamente smentito la notizia sulla rottura della tregua. Il Maggiore Generale Igor Konashenkov, portavoce del Ministero della Difesa russo, ha dichiarato che dall’inizio del 2017 le forze aeree russe hanno sospeso gli attacchi aerei in Siria.

Il 30 dicembre 2016, all’indomani della riconquista di Aleppo da parte delle forze governative siriane, è entrato in vigore il cessate il fuoco in Siria. L’ISIS e l’ex Fronte al-Nusra non hanno aderito alla tregua, raggiunta grazie all’intermediazione di Mosca, Ankara e Tehran, e con l’appoggio del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Lo scorso 23-24 gennaio si è tenuta ad Astana, capitale del Kazakistan, una due giorni di colloqui, a cui hanno partecipato le rispettive delegazioni di Russia, Iran e Turchia. Per la prima volta, i rappresentanti del regime siriano hanno incontrato i membri dei maggiori gruppi d’opposizione. Al termine dei colloqui di Astana, la triade Russia-Iran-Turchia ha emesso una dichiarazione congiunta, in cui annunciava la creazione di un meccanismo trilaterale per tutelare il cessate il fuoco in Siria. Il processo negoziale culminerà nella Conferenza di pace di Ginevra, in programma per il prossimo 10 febbraio.

di Redazione

Articoli correlati

Medio Oriente Siria

Hayat Tahrir al-Sham sta conquistando la provincia di Idlib

Mentre l’ISIS sta progressivamente perdendo terreno nei principali centri urbani in Siria, quali Raqqa e Deir Ezzor, la branca di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS), si sta impadronendo di vaste porzioni di territorio nel nord-ovest del Paese, nella provincia di Idlib

Medio Oriente Siria

SIRIA: LA RUSSIA BOMBARDA LE SYRIAN DEMOCRATIC FORCES

La coalizione internazionale ha accusato gli aerei russi di aver compiuto un raid contro una postazione delle Syrian Democratic Forces nella città siriana di Deir Ezzor

Medio Oriente Siria

SIRIA: AL VIA IL NUOVO ROUND DEI NEGOZIATI DI ASTANA

Al via il sesto round dei negoziati tra il regime di Bashar Al-Assad e l’opposizione siriana ad Astana

USA e Canada

USA temono avvento di Hayat Tahrir al Sham a Idlib

Gli Stati Uniti temono che la possibile conquista della città di Idlib, nel nord-est della Siria, da parte di gruppi jihadisti affiliati ad al-Qaeda possa avere gravi conseguenze

Medio Oriente Siria

Il regime siriano riprende il controllo di Homs

Il regime siriano ha ripreso il controllo della città di Homs, concludendo l’evacuazione delle ultime famiglie di ribelli dall’area

Medio Oriente Siria

Astana 4: delegazione dell’opposizione siriana arrivata nella capitale kazaka

Una delegazione dell’opposizione siriana, ieri, è arrivata nella capitale kazaka, Astana, per partecipare ai colloqui, il 3 e il 4 maggio, guidati dalla Russia per raggiungere una soluzione politica al conflitto in Siria


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.