Il G5 del Sahel: uniti per la lotta al terrorismo

Pubblicato il 7 febbraio 2017 alle 17:54 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I paesi del G5Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger – intendono istituire una forza congiunta anti-terrorismo per neutralizzare le minacce jihadiste nella regione del Sahel.

La tematica principale discussa nel summit è l’attuazione di strategie comuni per contrastare i gruppi terroristici presenti nella zona desertica del Sahel.

I leader dei paesi del G5 hanno proposto un programma volto a rafforzare la sicurezza nella regione sub-sahariana. Il progetto, che mira a sostenere la cooperazione regionale tra i paesi coinvolti, consentirebbe al consiglio di sicurezza del Sahel di promuovere attività di formazione riguardanti la lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata e al traffico di esseri umani.

L’incontro è avvenuto lunedì 6 febbraio a Bamako, capitale del Mali, a tre settimane dall’attacco kamikaze contro la base militare di Gao, dove sono rimaste uccise 80 persone.

Idriss Deby, presidente del Ciad, nonché presidente dei paesi del G5, ha dichiarato che il Sahel è a rischio sicurezza. Il territorio potrebbe cadere nelle mani dei terroristi qualora non venissero adottati provvedimenti per attuare un’azione congiunta. Il presidente ha aggiunto che la situazione è aggravata dalla crisi libica. Il presidente ha inoltre esortato gli Stati membri del G5 a investire nella sicurezza per sostenere il partner libico nel processo di riconciliazione nazionale.

L’Unione Europea sostiene i paesi del G5 impegnati in progetti di cooperazione regionale per la lotta al terrorismo. Il leader ciadiano ha chiesto ai paesi europei di contribuire finanziariamente alla realizzazione del progetto, che prevede il dispiegamento di truppe sul territorio.

Il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, ha tuttavia dichiarato che la creazione di una forza militare congiunta deve essere sottoposta all’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

“Per affrontare la sfida, abbiamo bisogno di coordinare i nostri sforzi”, ha detto il presidente del Mali, Ibrahim Boubacar Keita, la cui nazione combatte i terroristi che operano nel nord del paese.

Il Sahel è una fascia di territorio dell’Africa sub-sahariana che si estende tra l’oceano Atlantico a ovest e il Mar Rosso a est. Dal 2001, la regione è in balia di numerosi gruppi terroristici di matrice islamista, che si concentrano nella parte nord-occidentale della regione. I principali gruppi armati che operano sul territorio sono: al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM), Ansar al-Din e il Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad.

Regione del Sahel. Fonte: prezi.com

Regione del Sahel. Fonte: prezi.co

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.