Marocco: l’Algeria non vuole condividere le attività di intelligence

Pubblicato il 6 febbraio 2017 alle 9:08 in Africa Marocco

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Algeria si rifiuta di coordinare le proprie forze di intelligence con il Marocco.

In un’intervista, il direttore della Central Bureau of Judicial Investigations (BCIJ), AbdelHak El Khiyame, ha riferito che il Marocco si è sempre mostrato favorevole a collaborare, ma l’Algeria non vuole condividere le proprie attività di intelligence, aggiungendo che il proprio paese ha cercato più volte di proporre la cooperazione tra i due Stati, ma l’Algeria si è sempre rifiutata.

“La minaccia terroristica riguarda tutto il mondo, perciò tutti dobbiamo dare una mano per combatterla. Noi cooperiamo con qualsiasi paese, anche con quelli che considerano il Marocco un nemico”, ha spiegato El Khiyame, aggiungendo che “il Marocco ha fornito importanti informazioni di intelligence a molti Stati, tra cui USA, Francia, Italia, Danimarca, Spagna e un gruppo di paesi arabi ed africani”.

Il 27 gennaio, la BCIJ ha smantellato una cellula terroristica composta da 7 persone nei pressi di El Jadida, la quale stava pianificando un attentato in nome dell’ISIS. Dalle indagini delle autorità marocchine è emerso che le armi sequestrate ai terroristi “sono entrare in Marocco passando per l’Algeria, ma la loro spedizione è stata coordinata dalla branca dell’ISIS in Libia”.

Nel dicembre 2016, El Khiyame ha annunciato che la sua agenzia, nei 14 anni passati, è stata in grado di sventare 341 attacchi terroristici, aggiungendo che, dal 2002, la BCIJ ha smantellato 167 cellule terroristiche, di cui 46 legate all’ISIS e arrestato 2,963 presunti terroristi, 277 dei quali sono stati processati dalle corti giudiziarie.

Il primo febbraio 2017, dopo 33 anni di assenza, il Marocco è rientrato a far parte dell’Unione Africana (AU). L’Algeria non era a favore del ritorno nell’Unione dello Stato nordafricano per via della disputa, in corso dal 1975-76, tra il Marocco e il Sahara Occidentale. In quegli anni, in seguito al ritiro del dominio spagnolo, il Marocco ha esteso il proprio controllo sopra due terzi del territorio del Sahara Occidentale, obbligando le autorità del paese a instaurare un governo in esilio, capeggiato dal Polisaro Front, in Algeria.

La Central Bureau of Judicial Investigation (BCIJ) è la branca giudiziaria dei servizi di intelligence del Marocco.

Il direttore della Central Bureau of Judicial Investigations (BCIJ), AbdelHak El Khiyame. Fonte: YouTube

Il direttore della Central Bureau of Judicial Investigations (BCIJ), AbdelHak El Khiyame. Fonte: YouTube

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.