Israele continua a costruire nuove unità abitative in Cisgiordania

Pubblicato il 2 febbraio 2017 alle 0:30 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, e il primo ministro, Benjamin Netanyahu, hanno deciso di autorizzare la costruzione di 3.000 nuovi insediamenti in Giudea-Samaria.

Dal 20 gennaio, data dell’insediamento del presidente Trump, Israele ha approvato la costruzione di 566 unità abitative a Gerusalemme Est e ha annunciato la costruzione di ulteriori 2.502 unità in Cisgiordania.

Il progetto di insediamento era stato sospeso sotto l’amministrazione Obama, il quale aveva più volte ribadito che l’ulteriore espansione di Israele avrebbe definitivamente compromesso la possibilità di una soluzione pacifica del conflitto. Di conseguenza, Netanyahu ha dichiarato di considerare la presidenza di Trump come un’“opportunità significativa”, dopo le “forti pressioni” esercitate da Obama riguardo ai nuovi insediamenti. “Stiamo costruendo e continueremo a farlo”, ha aggiunto il primo ministro israeliano la scorsa settimana, facendo riferimento all’approvazione del progetto.

I critici del governo israeliano affermano che tutti gli insediamenti sono illegali ai sensi del diritto internazionale, e gran parte della comunità internazionale li considera come un grave ostacolo alla pace, dal momento che sono stati costruiti su territori che i palestinesi considerano parte del loro futuro stato. Il ministro della difesa israeliano, che amministra i territori annessi da Israele nel 1967, sostiene che il piano di costruzioni è volto a soddisfare la crescente domanda di abitazioni.

The Palestine News Network riporta che il segretario generale del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Saeb Erekat, ha esortato la Corte Penale Internazionale (CPI) dell’Aia ad aprire un’inchiesta sul progetto di insediamento israeliano.

Avigdor Lieberman, ministro della difesa. Fonte: Wikipedia Commons

Avigdor Lieberman, ministro della difesa. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.