L’Argentina condanna il muro di Trump, ma alcuni vorrebbero trarne esempio

Pubblicato il 1 febbraio 2017 alle 16:30 in America Latina Argentina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo Macri deve prendere esempio dall’amministrazione Trump ed edificare una barriera fisica alla frontiera tra Argentina e Bolivia. È quanto richiesto al governo di Buenos Aires dal deputato Alfredo Olmedo. Quest’ultimo è rappresentante della provincia di Salta, alla frontiera con la Bolivia. Frontiera che – assicura Olmedo – è totalmente fuori controllo.

Nessun partito politico ha preso le difese della posizione del deputato, eletto con una lista locale per lungo tempo alleata del governo. Il ministro della sicurezza Patricia Bullrich, tuttavia, ha dichiarato “vengono qui cittadini del Perù e del Paraguay e si uccidono per il controllo della droga. Molti paraguayani, boliviani e peruviani sono implicati nel narcotraffico in qualità di investitori, spacciatori o trafficanti.”

Alla frontiera tra Argentina e Paraguay, tra le città di Posada ed Encarnación, esiste un muro di un chilometro e mezzo. La barriera costringe i paraguayani che lavorano nella centrale elettrica dal lato argentino della frontiera ad entrare da un solo punto di controllo.

Lunedì il governo argentino ha varato un decreto che facilita le procedure di espulsione di cittadini stranieri che commettono reati nel paese.

Il Ministero degli Esteri argentino – in un comunicato ufficiale – aveva espresso preoccupazione per la costruzione del muro tra Stati Uniti e Messico. La Repubblica Argentina – si legge nel comunicato – ritiene che il dialogo e la ricerca del consenso debbano essere principi fondanti delle relazioni internazionali. Il paese definisce Stati Uniti e Messico “paesi fratelli” e invita al dialogo e al rispetto reciproco.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino.

Bandiera dell'Argentina. Fonte: pixbay.com

Bandiera dell’Argentina. Fonte: pixbay.com

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.