Il presidente eritreo, Isaias Afewerki, è stato intervistato dai media locali

Pubblicato il 31 gennaio 2017 alle 8:00 in Africa Eritrea

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’intervista con il presidente ha riguardato soprattutto il tema dello sviluppo.

L’incontro, che si è tenuta sabato 28 gennaio, è stato trasmesso in diretta su Eri-Tv e radio Dimtsi Hafash. Nel colloquio, il presidente Isaias ha spiegato in dettaglio i progetti conclusi e quelli futuri nei settori prioritari di energia, acqua, trasporti e comunicazioni, nonché nei settori sociali dell’istruzione e della sanità. Isaias ha anche illustrato alcune misure monetarie introdotte e i relativi progressi raggiunti, al fine di garantire la stabilità macroeconomica e l’incremento degli stipendi.

L’intento sarebbe quello di migliorare le condizioni di vita, anche attraverso la centrale di Hirgigho, che costruita a metà degli anni Novanta, ha avuto numerosi problemi di manutenzione e di funzionalità con conseguenti interruzioni di corrente negli ultimi anni. Per il 2017, i programmi concreti che saranno attuati in questo settore includono l’installazione di generatori da 180 Mega Watt che utilizzeranno rispettivamente combustibile fossile, gas ed energia solare.

In termini di approvvigionamento idrico, il presidente Isaias ha sottolineato che il governo egiziano ha canalizzato un notevole investimento per la costruzione di dighe in varie zone del paese negli ultimi due anni. Un esempio è la diga Gahtelai nella zona orientale, il cui completamento è previsto per il 2017. Il volume complessivo di acqua raccolta in tutte queste dighe ha finora raggiunto circa 250 milioni di metri cubi e sarà probabilmente pari a circa 300 milioni di metri cubi verso la fine dell’anno.

Nel settore dei trasporti, il governo si focalizzerà sul modo in cui affrontare le sfide e la scarsità di servizi di trasporto aereo e marittimo. Manutenzione stradale, trasporto e maggiore accesso ai mezzi con prezzi più accessibili rimarranno aree di priorità del governo, ha dichiarato il presidente Isaias. Lo sviluppo del capitale umano è sempre rimasto un obiettivo di fondamentale importanza negli ultimi anni. A questo proposito, il governo egiziano continuerà a incanalare notevoli investimenti in istruzione e sanità per garantire equità, maggiore accesso e migliori servizi al pubblico.

Presidente, Isaias Afewerki. Fonte: Wikipedia Commons

Presidente, Isaias Afewerki. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.