Ex-ufficiale del Ministero della Finanza indonesiano ha tentato di unirsi all’ISIS

Pubblicato il 28 gennaio 2017 alle 9:00 in Asia Indonesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex-ufficiale, il cui nome resta riservato, è stato deportato dalla Turchia dopo aver cercato di raggiungere lo Stato Islamico in Siria con tutta la sua famiglia.

Il padre, la moglie e i tre figli minorenni hanno lasciato Istanbul martedì 24 gennaio per tornare a Bali dove sono stati interrogati e arrestati dalla polizia. L’uomo aveva frequentato il liceo in una delle migliori scuole superiori indonesiane, ha conseguito il master in “Politiche Pubbliche” all’Università Flinders ad Adeleine, in Australia e, prima di abbandonare il lavoro per raggiungere lo Stato Islamico, ricopriva un’importante funzione all’interno del Ministero delle Finanze. Un ufficiale di polizia riferisce al quotidiano Channel NewsAsia che il sospettato “viveva una vita agiata in Indonesia… aveva un buon lavoro che garantiva stabilità economica alla sua famiglia”.

Il Ministero delle Finanze dichiara che l’indagato era un ex-dipendente che ha rassegnato volontariamente le dimissioni ad agosto per motivi personali affermando di dover accudire i bambini di un orfanotrofio. Il capo delle comunicazioni e dell’Informazione del Ministero degli Esteri, Nufransa Wira Sakti, ha dichiarato che, da quando l’uomo si è dimesso, risponde individualmente delle azioni commesse e che il Ministero non deve essere accostato in alcun modo ai reati ipotizzati. Sakti aggiunge che il Ministero non fornirà alcuna assistenza legale all’accusato che risponderà di fronte alla giustizia con un normale processo legale.

La famiglia aveva lasciato l’Indonesia il 15 agosto 2016 per fare scalo in Thailandia, dove è rimasta tre giorni, e da cui è successivamente partita per la Turchia. Il sospettato non è stato più rintracciabile da allora. La famiglia è stata arrestata lunedì 16 gennaio dalle autorità turche che hanno deciso di rimpatriarla.

Secondo l’agenzia di anti-terrorismo indonesiana i militanti di origine indonesiana in Siria sono tra i 700 e i 1.000.

Logo del Ministero delle Finanze indonesiano. Fonte: Wikipedia

Logo del Ministero delle Finanze indonesiano. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.