Nuovo presidente del Gambia rientra nel paese

Pubblicato il 26 gennaio 2017 alle 17:53 in Africa Gambia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il neo-presidente, Adama Barrow, rientra oggi in Gambia dopo la recente crisi politica che lo aveva costretto a lasciare il paese per rifugiarsi in Senegal.

Il rientro di Adama Barrow a Banjul, capitale del Gambia, è previsto per oggi alle 4 del pomeriggio. Quando rientrerà nel paese sarà a tutti gli effetti il nuovo presidente della Repubblica.

Barrow aveva vinto le elezioni presidenziali del 1 dicembre 2016, ma a seguito delle minacce da parte dell’ex-leader Yahya Jammeh, era stato costretto a rifugiarsi nell’ambasciata del Gambia in Senegal. Jammeh aveva scatenato una crisi politica dopo essersi rifiutato di abbandonare il potere. Il 19 gennaio scorso le forze armate dell’ECOWAS, Comunità Economica degli Stati Africani Occidentali, sono intervenute nel paese, ma prima di utilizzare la forza hanno concesso a Jammeh due giorni di tempo per ritirarsi pacificamente. Dopo aver negoziato i termini dell’esilio, l’ex-leader si è ritirato in esilio in Guinea Equatoriale.

Barrow ha dichiarato che i principali obiettivi del nuovo governo saranno le riforme economiche per rilanciare il paese e la protezione dei diritti umani. Il nuovo leader ha designato Fatoumata Jallow-Tambajang come vice-presidente e gli ha affidato il compito di formare il gabinetto di governo e di lavorare con le autorità senegalesi per rimpatriare i rifugiati gambiani.

Il nuovo presidente ha promesso al popolo di indagare sui presunti abusi commessi dal regime di Jammeh e ha assicurato che ridarà stabilità e dignità al paese. Il governo di Jammeh è stato accusato di aver torturato e ucciso numerosi oppositori politici. La popolazione gambiana ha protestato contro l’esilio di Jammeh e ha chiesto di consegnarlo alla giustizia del Gambia per gli abusi che ha commesso durante i 22 anni al potere.

Barrow per il momento alloggerà nella sua abitazione privata fino a quando la residenza formale del Presidente della Repubblica sarà messa in sicurezza. Circa 4.000 soldati dell’Africa Occidentale stanno sorvegliando il paese per assicurare che non ci siano tensioni tra la minoranza che supporta Jammeh e i sostenitori di Barrow.

ECOWAS. Fonte: Flickr.

ECOWAS. Fonte: Flickr.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.