Australia e Timor Est negoziano i confini marittimi permanenti

Pubblicato il 26 gennaio 2017 alle 17:30 in Asia Australia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

 

Il Timor Est ha chiuso il caso di spionaggio contro l’Australia. Si tratta di un gesto compiuto nel quadro dei negoziati per risolvere la duratura disputa sui confini marittimi dei due paesi nel Mar di Timor.

In seguito a una settimana di negoziati tenutisi a Singapore, Australia e Timor Est hanno annunciato che il caso di spionaggio verrà chiuso per dimostrare la “buona fede” di entrambi nella risoluzione dei disaccordi per i confini marittimi.

Il caso accusava l’Australia di aver condotto operazioni di spionaggio nel 2006, tramite la sua agenzia di intelligence ASIS, durante i negoziati per il CMATS (Certain Maritime Arrangements in the Timor Sea). Il CMATS è il trattato attualmente in vigore che definisce la spartizione dei proventi del giacimento di gas Greater Sunrise nel Mar di Timor. Il Timor Est accusava Melbourne di aver ottenuto un vantaggio sleale nei negoziati e nella divisione dei proventi grazie alle operazioni di spionaggio.
Il mese di settembre 2017 è stato individuato come data possibile per un incontro per la definizione ultima dei confini marittimi permanenti. I negoziati appena svoltisi sono il risultato della richiesta del Timor Est all’Onu di portare l’Australia a una conciliazione forzata per risolvere la disputa sui confini delle acque.

“L’annuncio della cancellazione del caso di spionaggio mostra che la conciliazione sostenuta dalle Nazioni Unite, sotto l’egida della Convenzione Onu per il Diritto del Mare, sta dando i suoi frutti”, ha dichiarato il prof. Micheal Leach della Swinburne University.

L’Est Timor ha proposto, all’inizio del 2017, di terminare il CMATS e l’Australia ha accettato al decisione. Il paese aveva più volte provato ad annullare l’accordo basandosi sulle accuse di spionaggio all’Australia, senza successo. Ora che i negoziati sono ripresi e l’Australia ha accolto la fine del CMATS non aveva più senso tenere il caso di spionaggio aperto, secondo il prof. Leach.

Il trattato CMATS prevedeva la divisione dei proventi del giacimento di gas Greater Sunrise nel Mar di Timor. La spartizione era 50/50 tra Australia e Timor Est, ma aveva evitato che si giungesse a una definizione di confini marittimi permanenti. Secondo le rivendicazioni del Timor Est, se venissero stabiliti confini permanenti in base al diritto marittimo internazionale, la maggior parte del Greater Sunrise sarebbe sotto al sua giurisdizione e i suoi proventi sarebbero maggiori del 50%. Finora l’Australia aveva rifiutato di gestire la disputa in base al diritto internazionale.

I rapporti bilaterali tra Australia e Timor Est hanno fortemente risentito della disputa e sono divenuti molto tesi dalle accuse di spionaggio sollevate dal Timor nei confronti di Melbourne. Negli ultimi anni non ci sono state visite diplomatiche bilaterali. Secondo il prof. Leach, però, i negoziati in corso porteranno a una distensione nei rapporti bilaterali.

La storia dei giacimenti di gas nel Mar di Timor è complessa. Nel 1989 venne siglato il primo trattato sull’area del Mar di Timor tra Indonesia, Australia ed Est Timor nota come Timor Gap ricca di giacimenti di gas e petroliferi. Nel 1989 i paesi segnatari furono Indonesia e Australia, dato che il Timor Est era sotto occupazione indonesiana, ragione per cui non ne vennero definiti i confini marittimi permanenti. Nel 2002, il Timor Est ottenne la sua indipendenza dall’Indonesia e venne siglato un nuovo accordo, il Timor Sea Treaty, senza però alcun negoziato sui confini marittimi del paese neo-indipendente. Nel 2004 vennero avviati nuovi negoziati in materia di confini delle acque tra Est Timor e Australia e nel 2006 venne siglato il CMATS, che ancora non prevede la definizione dei confini del Timor. Le cose stanno cambiando nei primi mesi del 2017 in seguito all’appello del Timor Est alle Nazioni Unite in favore della conciliazione forzata per i confini marittimi.
Il giacimento di gas noto come Greater Sunrise, scoperto nel 1974 è localizzato a 150km sud-est del Timor Est e a 450 km a nord-ovest di Darwin.

cas920

Cartina geografica della zona di acque contese tra Australia e Timor Est. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.