Somalia: attentato a Mogadiscio, 28 morti

Pubblicato il 25 gennaio 2017 alle 22:00 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sale a 28 il numero dei morti nell’attentato contro un hotel nel centro di Mogadiscio, capitale della Somalia.

La polizia locale ha reso noto che, ieri mattina, l’assalto è iniziato con l’esplosione di un’autobomba davanti al cancello del Dayah Hotel, localizzato vicino al parlamento somalo. Una seconda autobomba è esplosa dopo l’arrivo dei giornalisti e delle ambulanze presso il luogo dell’attentato, ferendo 4 reporter.

L’attentato è stato reclamato da Al-Shabaab attraverso un comunicato trasmesso dalla Andalus radio, una stazione legata al gruppo, la quale ha riferito che “mujaheddin ben armati hanno attaccato l’hotel e stanno combattendo”.

Il Capitano Mohamed Hussein, agente di polizia presente sul luogo dell’attentato, ha comunicato che, oltre ai morti, ci sono 51 feriti. Nel corso della giornata, le forze di polizia sono riuscite ad entrare nell’hotel, mettendo l’edificio sotto sicurezza. Testimoni hanno rivelato che le esplosioni sono state talmente forti da aver danneggiato l’area circostante, rompendo i vetri delle finestre degli edifici e delle auto vicine.

Il Dayah Hotel, data la vicinanza con il parlamento, è frequentato da politici, ufficiali governativi e interpreti.

Al Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un gruppo fondamentalista nato intorno al 2006 che combatte il governo somalo appoggiato dalle Nazioni Unite. Da allora sparge morte in Somalia e nel vicino Kenya.

Soldati somali a Modadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

Soldati somali a Modadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.