La NATO apre il primo ufficio regionale in Kuwait

Pubblicato il 25 gennaio 2017 alle 18:27 in Kuwait Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La NATO ha aperto in Kuwait il suo primo ufficio regionale allo scopo di rafforzare la cooperazione militare e di sicurezza con il Kuwait e con gli altri paesi del Golfo che hanno aderito all’iniziativa.

Bandiera del Kuwait. Foto di SKopp. Fonte: Wikimedia (28 settembre 2005)

Bandiera del Kuwait. Foto di SKopp. Fonte: Wikimedia (28 settembre 2005)

Le attività del nuovo centro regionale NATO, con sede nella capitale del Kuwait, sono legate alla Istanbul Cooperation Initiative (ICI), iniziativa promossa dai leader della NATO nel giugno 2004 al fine di approfondire e sviluppare i rapporti con i paesi della regione mediorientale, e in particolare con gli Stati del Golfo, nell’ambito della sicurezza internazionale. Bahrain, Kuwait, Qatar ed Emirati Arabi Uniti sono paesi membri dell’ICI.

Jens Stoltenberg, Segretario Generale della NATO, ha spiegato che l’inaugurazione del centro non segna l’avvio di un vero e proprio accordo di cooperazione militare in grado di offrire piene garanzie di sicurezza collettiva. A suo parere, si tratta piuttosto di un progetto di cooperazione che la NATO ha deciso di realizzare in collaborazione con alcuni partner del Golfo, e che potrebbe diventare il punto di partenza per ulteriori progetti di cooperazione. La NATO intende inviare nel Golfo le squadre mobili di addestramento del Joint Force Command di Napoli (JFC Naples), che potranno interagire con il personale e gli ufficiali della regione.

Il centro si occuperà di cooperazione in diversi settori, quali anti-terrorismo, proliferazione di armi, sicurezza energetica, cyber-difesa, attacchi nucleari, chimici e biologici, sicurezza marittima ed emergenze civili.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.