Il Gibuti riconosce il genocidio di Khojaly

Pubblicato il 25 gennaio 2017 alle 19:30 in Africa Gibuti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il parlamento gibutiano approva la risoluzione sul genocidio di Khojaly da parte degli armeni.

The Azerbaijan State News Agency riporta che la risoluzione sul riconoscimento del genocidio di Kholaji, presentata ufficialmente dall’Ambasciatore dell’Azerbaijan, Elman Abdullayev, e dal Presidente del Parlamento, Muhammad Ali Humad, è stata messa ai voti e approvata nella sessione plenaria del Parlamento. La risoluzione riconosce ufficialmente l’occupazione dei territori azeri dell’Armenia e la strage di civili, compiuta dalle forze armate armene nella città di Khojaly il 26 febbraio 1992, come atto di genocidio e crimine contro l’umanità. Inoltre, stabilisce che i responsabili debbano essere puniti secondo gli strumenti internazionali pertinenti.

Nella risoluzione, l’Assemblea Nazionale gibutiana ha ribadito il proprio rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale riconosciuta a livello internazionale della Repubblica dell’Azerbaijan e l’inammissibilità dell’occupazione di un territorio con la forza, in base a quanto stabilito dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale. La risoluzione chiede l’attuazione delle risoluzioni adottate dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dal Consiglio di Sicurezza e dalle altre organizzazioni internazionali riguardo al ritiro immediato, completo e incondizionato delle forze armate armene dai territori dell’Azerbaijan e le esorta a fare pressione sull’Armenia affinché metta in atto tali decisioni e ponga fine al conflitto.

Il governo gibutiano ha espresso profonda preoccupazione per le condizioni di oltre un milione di azeri rimasti coinvolti nell’aggressione armena, sottolineando la gravità del problema umanitario.

L’Azerbaijan State News Agency (AzerTAc) è l’agenzia di stampa ufficiale della Repubblica dell’Azerbaigian, fondata il 1 marzo 1920. L’AzerTac collabora con altre importanti agenzie di stampa, tra cui l’italiana ANSA.

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.