Israele approva la costruzione di centinaia di case a Gerusalemme Est

Pubblicato il 24 gennaio 2017 alle 22:00 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il progetto edilizio porterebbe alla realizzazione di oltre 560 unità abitative.

Domenica 22 gennaio, a due giorni dall’insediamento alla Casa Bianca del neoeletto Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il governo israeliano ha approvato la costruzione di  oltre 560 unità abitative negli insediamenti di Pisgat Zeev, Ramat Shlomo e Ramot. Il centro-destra israeliano  attende da Trump un atteggiamento più favorevole rispetto a quello del suo predecessore per quanto riguarda gli insediamenti costruiti in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, aree che Israele ha annesso nel 1967 senza ottenere il riconoscimento della comunità internazionale.

Il progetto edilizio, che coinvolge quella che i palestinesi considerano la capitale del loro futuro Stato, era stato momentaneamente annullato a dicembre, su richiesta del primo ministro Benjamin Netanyahu, al fine di evitare ulteriori censure da parte dell’amministrazione Obama.

Nel dicembre 2016, gli Stati Uniti avevano suscitato l’ira del presidente israeliano, poiché per la prima volta si erano astenuti su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che si opponeva all’espansione territoriale israeliana in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Il presidente del comitato di pianificazione e costruzione della città ha dichiarato a Radio Israele che i permessi erano stati bloccati in attesa che l’amministrazione Obama terminasse il mandato. “Mi è stato detto di aspettare fino a quando Trump non si fosse insediato. Trump è favorevole al piano di espansione a Gerusalemme“, ha detto Turgeman, rivelando l’esistenza di altre centinaia di unità in attesa di approvazione.

In un’intervista a Reuters, Nabil Abu Rdainah, portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas, ha condannato con forza la decisione di Israele di approvare le nuove costruzioni.

Bandiera di Israele. Fonti: Wikipedia

Bandiera di Israele. Fonti: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.