Due Bengalesi arrestati: legati all’Isis nelle Filippine

Pubblicato il 24 gennaio 2017 alle 15:30 in Asia Bangladesh

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due cittadini del Bangladesh sono stati arrestati in Malesia. Sono accusati di avere legami con le cellule dell’Isis nelle Filippine.

La divisione speciale anti-terrorismo della Malesia ha arrestato quattro persone, di cui due cittadini bengalesi, un filippino e una donna malese, in due raid rispettivamente a Kuala Lumpur e Sabah, il 13 e il 19 gennaio 2017.

I due bengalesi sono stati arrestati a Kuala Lumpur e sono accusati di avere legami con i militanti dell’Isis presenti in Bangladesh e di essere in procinto di unirsi alla cellula terroristica di Mahmud. Mahmud è un ex-professore della Malaya University unitosi ai militanti dell’Isis basati nel sud delle Filippine.

Secondo l’ispettore generale della polizia malese che ha seguito le operazioni, gli arresti sono significativi perché hanno condotto allo smantellamento di una nascente nuova cellula dell’Isis che intendeva trasformare la città di Sabah in una stazione intermedia per i terroristi diretti nel Sud-Est Asiatico e in particolare per coloro che viaggiano verso le Filippine per unirsi ai gruppi di Mahmud Ahmad e Isnilon Hapilon.

Nel sud delle Filippine, soprattutto nell’isola di Mindanao, si concentrano diverse milizie islamiste. Dal 2015, diversi militanti hanno avviato la costruzione di una cellula dell’Isis nel Sud-Est Asiatico mettendo insieme diversi gruppi della zona come Abu Sayyaf e Jemaah Islamiah.

L’ex professore universitario Mahmud Ahmad è legato al gruppo Abu Sayyaf (in arabo: جماعة أبو سياف‎, Jamāʿa Abū Sayyāf), anche conosciuto come al-Harakat al-Islamiyya uno dei diversi gruppi paramilitari separatisti islamici, con base attorno alle isole a sud delle Filippine, in Bangsamoro (Jolo, Basilan e Mindanao) dove per quasi 30 anni diversi gruppi musulmani sono insorti contro lo Stato a ispirazione cattolica delle Filippine.

Le Filippine, la zona in rosso è quella di Mindanao. Fonte: Wikipedia Commons

Le Filippine, la zona in rosso è quella di Mindanao. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.