Violenti scontri nella Somalia meridionale

Pubblicato il 23 gennaio 2017 alle 22:00 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I combattimenti tra l’Esercito Nazionale Somalo e i militanti di Al Shabaab hanno causato la morte di due persone.

Garowe Online riporta che domenica, nel sud della Somalia, è avvenuto uno scontro tra l’Esercito Nazionale Somalo (SNA), sostenuto dalle forze dell’Unione Africana, e i militanti di Al Shabaab, che ha causato la morte di almeno due persone e diversi feriti. I combattimenti sono iniziati dopo un attacco congiunto contro la base di Al Shabaab nel villaggio di El-Baraf, a circa 45 km a ovest del distretto di Mahaddei, nella regione del Medio Shabelle. Secondo gli abitanti del luogo, Al Shabaab avrebbe respinto l’offensiva e conservato il controllo della zona. Si tratta del secondo grande attacco effettuato quest’anno dal governo somalo e dalle forze dell’Unione Africana contro le basi controllate dal gruppo terroristico fuori dalla città di Mahaddei, nella regione del Medio Shabelle. Nella notte di sabato 21, i militanti hanno ucciso un alto ufficiale della polizia somala con una bomba a mano in una stazione di polizia nel distretto di Jowhar, 90 km a nord di Mogadiscio.

Nell’ultimo periodo, Al Shabaab ha intensificato i suoi attacchi terroristici contro lo SNA e le forze dell’African Union Mission (AMISOM) in Somalia del sud, al fine di ostacolare le elezioni in corso. Queste ultime si sarebbero dovute svolgere dopo le elezioni parlamentari dell’autunno 2016 ma sono state rinviate più volte. I principali candidati sono: Hassan Sheikh Mohamud, presidente in carica e fondatore del Peace and Development Party, un partito islamico moderato, che ha legami con Al-Islah, braccio somalo della Fratellanza Musulmana; Sharif Sheikh Ahmed dell’Alliance for the Re-liberation of Somalia, un’organizzazione islamista fondata nel settembre 2007; e Mohamed Abdullahi Mohamed del Tayo Political Party, partito progressista nato nel 2012.  Tra i candidati figurano anche Omar Abdirashid Ali Sharmarke, Fadumo Dayib e Ali Haji Warsame, che concorrono singolarmente e non sono affiliati ad alcun partito politico.

Militanti di Al Shabaab. Fonte: Wikipedia

Militanti di Al Shabaab. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.