Cina: istituita nuova Commissione per gli affari militari e civili

Pubblicato il 23 gennaio 2017 alle 16:30 in Asia Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Xi Jinping presiederà la nuova Commissione per lo sviluppo civile e militare integrato della Repubblica Popolare Cinese. Questo è emerso dall’incontro dei vertici del Partito Comunista e del governo cinese alla riunione del Politburo del PCC di domenica 22 gennaio.

La nuova Commissione è stata istituita appositamente per affrontare e risolvere tutte le problematiche connesse allo sviluppo sinergico della società civile e degli affari militari. Si tratta di un ente di livello centrale, il più alto nell’organizzazione amministrativa della Cina, che affiancherà la Commissione Militare Centrale, ufficialmente incaricata degli affari militari della Repubblica Popolare. La neonata Commissione per lo sviluppo civile e militare risponderà al Politburo e al suo Comitato Permanente.

Il governo cinese in carica, guidato da Xi Jinping e Li Keqiang, ha promosso una serie di riforme militari sostanziali a partire dalla fine del 2015 per soddisfare gli obiettivi prefissati dal 18esimo Congresso del Partito Comunista Cinese. La riforma della difesa nazionale e dell’esercito avviata dall’attuale presidente cinese è la più significativa dal 1955 e mira ad aggiornare e adeguare la forza militare del Paese alla sua attuale importanza economica a livello mondiale. La prima fase di riforma militare è stata di stampo amministrativo con un cambiamento nella struttura della Commissione Militare Centrale. I quattro dipartimenti da cui era composta sono stati riorganizzati e suddivisi in 15. Nello specifico è stato istituito un dipartimento autonomo per l’Armata Popolare di Liberazione (APL) che non è più sotto l’egida del Dipartimento General Staff e sono stati suddivisi i diversi corpi specializzati dell’esercito. Prima dell’avvio effettivo della riforma è stata condotta una campagna anti corruzione negli alti ranghi della APL e della Commissione Militare Centrale.

Marina Cinese, parte dell'Armata Popolare di Liberazione. Fonte: Wikipedia Commons

Marina Cinese, parte dell’Armata Popolare di Liberazione. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.