Colombia: Santos e l’ELN negozieranno in febbraio

Pubblicato il 19 gennaio 2017 alle 10:14 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo della Colombia e l’Esercito di Liberazione Nazionale inizieranno i colloqui di pace a Quito, in Ecuador, il prossimo 7 febbraio.

Il governo colombiano, dopo l’accordo di pace con le FARC, Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, si appresta a negoziare con l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN). I colloqui inizieranno a Quito il 7 febbraio prossimo, rendono noto le due parti con un comunicato congiunto.

Nel medesimo comunicato, l’ELN si impegna a liberare l’ex parlamentare Odín Sánchez Montes de Oca, ostaggio dei guerriglieri da aprile 2016. Lo stesso giorno, 2 febbraio, il presidente Santos firmerà l’indulto per due membri dell’ELN. Il gruppo di guerriglieri nominerà due negoziatori che saranno liberi di agire in Colombia senza rischio di intervento delle autorità giudiziarie per i crimini commessi.

Il rispetto degli accordi sarà garantito, oltre che dalle parti in causa, dalla Chiesa Cattolica Colombiana e dai sei paesi garanti: Venezuela, Norvegia, Cile, Brasile, Cuba ed Ecuador. Nel comunicato si rende noto che è stata chiesta assistenza anche alla Croce Rossa Internazionale.

Il processo di pace doveva iniziare lo scorso 27 ottobre, ma l’incontro fu rimandato a causa del rifiuto dell’ELN di liberare Odín Sánchez. L’ex parlamentare colombiano è legato al gruppo paramilitare di estrema destra Autodefensas Unidas de Colombia (AUC). Odín Sánchez si è offerto lo scorso aprile come ostaggio in cambio del fratello Patrocinio, gravemente malato. Ex governatore del dipartimento di Chocó, nel nord del paese, Patrocinio Sánchez era stato sequestrato nel 2013.

“Questo accordo ci consentirà di raggiungere la pace completa” ha assicurato il presidente Juan Manuel Santos da Davos, dove partecipa al foro mondiale. Il Presidente ha voluto ringraziare Rafael Correa, Presidente dell’Ecuador, per i buoni uffici svolti come negoziatore fra le due parti. Santos marca così una svolta con i suoi predecessori, Álvaro Uribe su tutti, che hanno sempre accusato l’Ecuador di sostenere la guerriglia.

L’Esercito di Liberazione Nazionale, secondo gruppo guerrigliero del paese dopo le FARC, è stato fondato nel 1964. L’ELN si autodefinisce marxista-cristiano, fortemente influenzato dalla teologia della liberazione. Opera nelle zone di frontiera con l’Ecuador e, sebbene sia stato fortemente indebolito nell’ultimo decennio, ha continuato a operare sequestri, estorsioni e attacchi dinamitardi contro i tralicci dell’energia elettrica.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

Il presidente della Colombia Santos. Fonte: Wikimedia Commons

Il presidente della Colombia Santos. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.