Cile: attentato contro il presidente dell’impresa statale del rame

Pubblicato il 16 gennaio 2017 alle 9:46 in America Latina Cile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Óscar Landerretche, presidente dell’impresa di stato cilena che opera nel settore del rame, è stato oggetto di un attentato nella propria abitazione per mezzo di un pacco bomba. Landerretche ha subito lievi ferite al braccio e all’addome, mentre la figlia e un’impiegata hanno sofferto lesioni auditive.

La Presidente del Cile, Michelle Bachelet, è stata la prima a qualificare l’evento come attentato e a condannare l’accaduto, promettendo indagini rigorose. Ad esprimere solidarietà al presidente della Codelco anche l’ex presidente Sebastián Piñeira, leader dell’opposizione di centro-destra, che ha parlato di “vile attentato”.

Il gruppo eco-estremista “Individualistas tendiendo a lo salvaje“, poco noto finora in Cile, ha rivendicato l’attentato con una nota. “Il presuntuoso Landerretche meritava di morire per le sue offese alla Terra, ma adesso non dimenticherà facilmente che la Mafia eco-estremista lo ha preso di mira”. Nella nota si rivendica un attacco “indiscriminato e contrario alla civiltà moderna nella sua più alta espressione” effettuato “in nome di tutto ciò che è selvaggio” contro “tutto ciò che è iper-civilizzato e sta distruggendo il pianeta”. Le autorità cilene indagano sulla rivendicazione.

La Codelco, Corporazione Nazionale del rame del Cile, è la più grande azienda di estrazione del rame del mondo. Fondata nel 1976 dal governo di Augusto Pinochet Ugarte, la Codelco è risultato della fusione di cinque imprese di stato che operavano in campo cuprifero. Le miniere di rame sono state nazionalizzate in Cile nel 1971 dal governo di Salvador Allende, a conclusione di un processo detto “cilenizzazione” iniziato dal presidente Eduardo Frei Montalva.

Il Cile è il principale produttore ed esportatore di rame del mondo. Sin dalla fondazione della Codelco, si considera che il 25% delle esportazioni cilene passi da detta azienda.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

Logo della Codelco. Fonte: Wikimedia Commons

Logo della Codelco. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.