Serbia: arrestati due sospettati ricercati dal Montenegro

Pubblicato il 14 gennaio 2017 alle 15:30 in Balcani

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La polizia serba ha arrestato due individui sospettati di terrorismo ricercati dal Montenegro.

Nemanja Ristic, 43 e Predrag Bogicevic, 47, sono stati incarcerati con l’accusa di aver pianificato un colpo di stato a Montenegro. Nela Kuborovic, ministro della giustizia serbo, durante una conferenza stampa, ha riferito che la polizia serba continuerà a lavorare sulla richiesta di estradizione da parte di Montenegro non appena riceverà la documentazione necessaria da Podgorica, in linea con gli accordi bilaterali sull’estradizione. “Dal momento che i sospettai sono sotto custodia, dobbiamo ricevere una richiesta ufficiale da Montenegro, che non è ancora pervenuta. Abbiamo avuto soltanto un mandato di massa”, ha spiegato la Kurborovic.

Il 27 dicembre il Montenegro ha istituito un mandato di arresto per 5 perone, 3 cittadini serbi, tra cui Ristic e Bogicevic, e 2 cittadini russi, tutti accusati di avere legami con il terrorismo e di aver pianificato l’uccisione del primo ministro montenegrino, Milo Djucevic, il giorno delle elezioni lo scorso 16 ottobre. I governi di Mosca e Belgrado hanno negato di essere coinvolti nel presunto complotto contro la NATO, sostenitrice del governo di Djucevic.

I 5 accusati pianificavano di fare irruzione nel Parlamento montenegrino, uccidere il PM e riportare una coalizione filo-russa al potere. I nazionalisti russi e serbi hanno riferito che il regime filo-occidentale di Montenegro non poteva essere rovesciato pacificamente con le elezioni, ma solo attraverso l’uso della forza. Il procuratore speciale serbo, Milivoje Katnic ha riferito che “con l’obiettivo di rovesciare violentemente il governo eletto, i 5 hanno formato un’organizzazione criminale per commettere un atto di terrorismo”. Con la vittoria delle elezioni in Montenegro, Djucevic, mirava a completare l’integrazione euro-atlantica del proprio paese, il quale ha concluso i negoziati di accesso con la NATO nel maggio 2016 ed è in attesa che il Parlamento ratifichi il trattato.

Nela Kuburovic, ministro della giustizia in Serbia. Fonte: rs.n1info.com

Nela Kuburovic, ministro della giustizia in Serbia. Fonte: rs.n1info.com

di Redazione

Articoli correlati

Balcani

L’ALBANIA AUMENTA GLI SFORZI PER COMBATTERE IL TERRORISMO

L’Albania metterà in atto nuove misure di sicurezza volte a ridurre i rischi di radicalizzazione tra i propri cittadini

Balcani Europa

Vucic: le armi russe sono fondamentali per la difesa della Serbia

Le forniture di armi russe alla Serbia sono necessarie per aumentare significativamente la difesa nazionale. Lo ha dichiarato in un’intervista all’agenzia di stampa RIA Novosti il presidente Aleksandar Vucic. Il Presidente serbo, Aleksander Vucic. Font …

Balcani Europa

Svolta storica in Serbia: nuovo primo ministro donna e omosessuale

L’annuncio della nomina di Ana Brnabić, omosessuale dichiarata, è stato fatto questo giovedì dal presidente Aleksandar Vučić

Balcani

Immigrazione: Oxfam denuncia gli abusi e le torture della polizia sulla rotta balcanica

Il network contro la povertà Oxfam ha pubblicato un report in cui denuncia il trattamento violento ed illegale dei migranti lungo la tratta balcanica da parte delle autorità locali

Balcani

La Croazia apprezza l’interesse dell’UE verso i Balcani occidentali

Il primo ministro croato, Andrej Plenkovic, apprezza la posizione assunta dai leader dell’Unione Europea verso i Balcani occidentali

Balcani

L’Albania chiede un’UE forte per affrontare l’immigrazione

Il ministro per l’integrazione europea albanese, Klajda Gjosha, durante l’evento di lancio del programma “Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro”, a Bari, ha affermato che “è necessaria un’Unione Europea forte per affrontare le sfide poste dai flussi migratori”


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.