Premier del Giappone Abe in visita nelle Filippine

Pubblicato il 13 gennaio 2017 alle 16:30 in Asia Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il premier del Giappone, Shinzo Abe, in visita nelle Filippine ha incontrato il presidente Duterte e visitato la sua residenza privata.

Shinzo Abe, il primo ministro del Giappone,  è il primo leader straniero ad andare in visita ufficiale nelle Filippine da quando il presidente Duterte è entrato in carica.

Gli incontri formali di giovedì 12 gennaio a Manila, nel palazzo presidenziale, sono stati seguiti da una tappa informale nella città natale di Duterte, Davao, 900 km a sud di Manila. Il PM del Giappone ha potuto visitare la residenza privata del presidente filippino e ha avuto modo di mostrare il suo lato informale, partecipando alle attività folkloristiche organizzate in suo onore.

La tappa a casa di Duterte, secondo quanto riporta l’Abs Cbn News, sembra dimostrare pienamente l’intento di rafforzare l’amicizia e la cooperazione tra i due leader. “Un invito a casa, nella cultura giapponese, è segno di grande amicizia e confidenza”, ha sottolineato l’ambasciatore emerito Jose Romero, attualmente a capo del Consiglio per gli Affari Esteri delle Filippine. “Credo che Abe voglia dire al mondo che tra lui e Duterte c’è un rapporto molto stretto, è questo che simboleggia la sua visita a Davao”, ha concluso Romero.

La visita diplomatica di Abe è una mossa strategica per tentare di divenire il mediatore capace di colmare la distanza attuale tra le Filippine e gli Usa. Questi ultimi hanno visto diverse tensioni negli ultimi mesi a causa di critiche da parte di Washington ad alcune politiche di Duterte in merito al narcotraffico e ai diritti umani.

Usa e Giappone sono entrambi molto interessati a mantenere un’alleanza con le Filippine, soprattutto dopo il riavvicinamento di Duterte alla Cina. Le Filippine sono un alleato fondamentale per Washington e Tokyo nel fronteggiare l’ascesa di potere di Pechino nel Pacifico e nel Mar Cinese Meridionale. Proprio durante la visita di Abe, il Ministro degli Esteri delle Filippine, ha affermato che qualsiasi azione gli Usa vorranno compiere per togliere alla Cina gli isolotti del Mar Cinese Meridionale – nei quali sta costruendo degli avamposti militari – potranno farlo, ma sarà una loro prerogativa e nel loro solo interesse nazionale. Queste dichiarazioni sembrano voler ampliare la distanza tra Manila e Washington, più che ridurla.

Il PM giapponese, Shinzo Abe. Fonte: en.kremlin.ru

Il PM giapponese, Shinzo Abe. Fonte: en.kremlin.ru

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale

Asia Corea del Sud

Corea: esercitazione aerea tra USA e Corea del Sud

La Corea del Sud e gli Usa hanno avviato un’esercitazione aerea congiunta sul cielo coreano, mentre Cina e Russia hanno avviato gli esercizi navali bilaterali

Asia Cina

Cina: colloquio telefonico Trump-Xi Jinping su Corea del Nord

Trump e Xi Jinping hanno avuto un colloquio telefonico, secondo la Casa Bianca si sarebbero accordati per massimizzare la pressione su Pyongyang, nessun riferimento a tale accordo sui media cinesi

Asia Filippine

FILIPPINE: L’ESERCITO RICONQUISTA CENTRO DI COMANDO DEI MILITANTI

L’esercito delle Filippine ha riconquistato la moschea che era il centro di comando dei militanti che assediano la città di Marawi da 4 mesi

Asia Pakistan

PAKISTAN: TALEBANI UCCIDONO UN AMMINISTRATORE GOVERNATIVO

L’amministratore governativo pakistano, Fawad Ali, è morto insieme ad altri 4 agenti della polizia tribale presso il confine tra Pakistan e Afghanistan, per via di una bomba che era stata posizionata per strada. Domenica 17 settembre, il veicolo sul qu …

Afghanistan USA e Canada

GLI USA ESPANDERANNO LA ZONA DI SICUREZZA A KABUL

I confini della Green Zone di Kabul verranno allargati per includere al loro interno la base militare americana conosciuta con il nome Kabul City Compound, ex quartier generale delle American Special Operations nella capitale afghana


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.