Turchia: lotta al terrorismo serve a proteggere i confini europei e NATO

Pubblicato il 12 gennaio 2017 alle 18:14 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministro turco per l’UE Ömer Çelik ha dichiarato che la partecipazione militare turca alla lotta al terrorismo in Siria attraverso l’Euphrates Shield operation serve a proteggere i confini della Repubblica turca, dell’Europa e dei paesi dell’Alleanza NATO.

Nella conferenza stampa congiunta tenutasi ad Ankara, Çelik, dopo aver incontrato il Ministro degli Esteri della Finlandia Timo Soini, ha lamentato l’inadeguato sostegno ricevuto dagli alleati turchi nella lotta all’ISIS in Siria, considerato che la Turchia ha dovuto affrontare seri problemi interni a seguito del fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.

L’operazione militare Euphrates Shield, guidata dalla Turchia, è stata lanciata in Siria nell’agosto 2016 allo scopo di migliorare le condizioni di sicurezza all’interno del paese. A sostegno delle forze a guida USA contro l’ISIS, l’intervento si pone l’obiettivo di eliminare la minaccia terrorista lungo il confine turco mediante la fornitura di artiglieria e jet turchi ai combattenti dell’Esercito Siriano Libero (Free Syrian Army – FSA).

Il Ministro turco ha sottolineato che la Turchia è impegnata nella lotta contro organizzazioni terroristiche quali l’ISIS, la Fethullahist Terrorist Organization (FETÖ) che il governo turco accusa di aver orchestrato il colpo di stato, e il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), dichiarato fuorilegge, contro il quale sono in atto scontri armati dalla metà degli anni Ottanta.

Soini ha precisato che la Finlandia è a favore dell’ingresso della Turchia nell’UE e che il suo paese sostiene la prosecuzione dei negoziati tra UE e Turchia. Çelik ha ringraziato il Ministro finlandese per la solidarietà e vicinanza del suo paese alla Turchia sul fronte della lotta al terrorismo. Durante la sua visita ufficiale in Turchia, Soini è stato ricevuto dal Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e dal primo ministro Binali Yıldırım.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.