Quattro miliziani e un agente russo uccisi in uno scontro a fuoco in Cecenia

Pubblicato il 12 gennaio 2017 alle 10:37 in Asia Cecenia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’annuncio di Razman Kadyrov, Presidente della Cecenia. I miliziani farebbero parte del gruppo del defunto emiro Isa Muskiev e avrebbero avuto “legami provati” con l’ISIS 

Ramzan Kadyrov, presidente della Cecenia, ha annunciato l’uccisione di quattro miliziani e di un agente delle forze di sicurezza russe nella repubblica nel corso di uno scontro a fuoco nel distretto di Kurčaloj. Un quinto miliziano è stato arrestato, mentre un sesto sarebbe riuscito a fuggire nel buio – secondo quanto affermato da Kadyrov.

L’operazione è avvenuta nella notte di ieri, 11 gennaio, e Kadyrov ha assicurato che il raid riprenderà oggi alle prime luci dell’alba. Secondo il presidente della repubblica autonoma decine di persone sono state arrestate negli ultimi giorni e tra i fermati ci sarebbero dei familiari di Muskiev, che Kadyrov ha definito come “uno dei più sanguinari capibanda”. L’operazione è scattata dopo mesi di indagini, quando “siamo riusciti a individuare l’intera struttura della banda”, ha concluso il leader ceceno.

Isa Muskiev era stato ucciso dalle forze di sicurezza russe nel 2006, ma la sua banda avrebbe continuato a operare guidata dal fratello. Kadyrov ha dichiarato che la banda è responsabile della morte di 102 persone nei distretti di Kurčaloj e Šali, a est della capitale Groznij. All’agenzia di stampa Interfax, Kadyrov ha assicurato che i legami della banda con l’ISIS “sono sicuri e provati”.

Ramzan Kadyrov è presidente della Cecenia dal 2007. Figlio di Achmad Kadyrov, presidente fino al 2004, è considerato il proconsole di Putin nella riottosa repubblica. Achmad Kadyrov prese parte alla prima guerra cecena (1993-96) dalla parte degli indipendentisti guidati dal presidente Dudaev, e conclusasi con l’indipendenza de facto della Cecenia. Divenne Gran Muftì della repubblica. Nel corso della seconda guerra cecena (1999-2000) si schierò a fianco di Mosca e, a seguito della vittoria russa divenne presidente della repubblica. In seguito all’assassinio di Achmad nel 2004 allo stadio di Groznij, è iniziata la carriera politica di Ramzan. Vicepremier, Premier e infine Presidente della Cecenia. La fine ufficiale del conflitto ceceno, nel 2009, ha ridotto la presenza di forze russe nella repubblica e aumentato il potere di Kadyrov. Considerato da molti il vero pacificatore della regione, è accusato da altri di delitti politici e crimini di guerra.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov. Fonte: Kremlin.ru

Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov. Fonte: Kremlin.ru

di Redazione

Articoli correlati

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale

Asia Corea del Sud

Corea: esercitazione aerea tra USA e Corea del Sud

La Corea del Sud e gli Usa hanno avviato un’esercitazione aerea congiunta sul cielo coreano, mentre Cina e Russia hanno avviato gli esercizi navali bilaterali

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.