Puerto Rico cinquantunesimo stato USA?

Pubblicato il 6 gennaio 2017 alle 10:00 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il neoeletto governatore dell’isola caraibica vuole fare del paese il cinquantunesimo stato degli USA, per far fronte al debito di 69 miliardi di dollari

Lunedì 2 gennaio Ricardo Rosselló ha giurato come nuovo governatore di Puerto Rico con un programma chiaro: fare dell’isola il cinquantunesimo stato degli Stati Uniti d’America entro quattro anni. Il paese è asfissiato da un debito di 69 miliardi di dollari cui la situazione attuale non consente di far fronte. Rosselló considera che la crisi è strettamente legata allo status politico dell’isola.

Occupato dagli USA al termine della guerra ispano-americana del 1898, Puerto Rico è diventato nel 1952 Stato Libero associato agli Stati Uniti. Tre referendum successivi hanno confermato lo status quo, respingendo tanto la piena indipendenza quanto l’ingresso a pieno titolo nell’Unione.

“La crisi è direttamente legata al collasso della colonia” ha affermato Rosselló, che considera che lo status attuale di Puerto Rico costringe il paese in una situazione di subordinazione ineguale che si correggerebbe con l’incorporazione a pieno diritto dell’isola caraibica nella vicina superpotenza.

Rosselló, il cui padre è stato governatore dell’isola tra il 1993 e il 2001, deve far fronte alla peggiore crisi economica della storia del paese. Nel 2015 Puerto Rico ha smesso di pagare i contrattisti pubblici, divenendo nota con il soprannome di “Grecia dei Caraibi”. Dall’inizio della crisi 200.000 persone (pari al 6% della popolazione) sono emigrate, prevalentemente negli USA. Il PIL pro capite è crollato da 35 a 28.000 dollari e la disoccupazione ha raggiunto il 12%. Il sistema pensionistico è al collasso e a febbraio il paese non avrà liquidità sufficiente a pagare gli stipendi.

Per fronteggiare il debito dell’isola Washington ha approvato la legge “Promesa” che mette al riparo il paese dai creditori e mette le finanze portoricane sotto controllo di una commissione del Congresso statunitense. La legge è fortemente contestata da Rosselló, che accusa il suo predecessore di aver rinunciato alla sovranità finanziaria dell’isola. Il governatore è anche fortemente critico con Washington, accusata di discriminare i cittadini di Puerto Rico cui nega il diritto all’uguaglianza politica, economica e sociale “sotto la bandiera americana”.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino.

Ricardo Rosselló, governatore di Puerto Rico. Fonte: Wikipedia

Ricardo Rosselló, governatore di Puerto Rico. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.