Kashmir alla ricerca dell’indipendenza

Pubblicato il 3 gennaio 2017 alle 15:30 in Asia India

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ondata di movimenti indipendentisti nel Kashmir indiano non può essere calmata facilmente e continuerà fino a raggiungere l’indipendenza.

“Il movimento indipendentista nel Kashmir indiano è ativo e continuerà finché la regione non sarà indipendente” ha dichiarato Sardar Attique Ahmed Khan, presidente della All Jammu and Kashmir Muslim Conference ed ex primo ministro dell’Azad Kashmir, area della regione sotto il controllo del Pakistan.

Il silenzio della comunità internazionale sulle atrocità dell’esercito indiano in Kashmir è deludente. È necessario un atteggiamento più attivo nell’implementazione della risoluzione delle Nazioni Unite per contrastare il primo ministro dell’India, Modi, e i suoi piani di reinsediamenti Indù nella regione. Il presidente Khan ha chiesto alla comunità internazionale di fare pressione sul governo indiano per fermare le atrocità nei confronti della popolazione del Kashmir e di aiutare per risolvere la questione della divisione amministrativa della regione.

Il Kashmir è copre un’ampia area tra India e Pakistan, suddivisa in tre zone oggetto di dispute territoriali. La parte centro-meridionale, il Jammu e Kashmir, è amministrata dall’India. Lo Azad Kashmir e il Gilgit-Baltistan, le porzioni nord-occidentali, sono sotto la giurisdizione del Pakistan. La zona nord-orientale, Aksai Chin, è sotto il controllo della Cina. La divisione amministrativa non è però riconosciuta formalmente dai paesi coinvolti. L’India e il Pakistan continuano a rivendicare il controllo sulle aree amministrate dall’altro stato. Tali rivendicazioni hanno condotto alla guerra Indo-Pakistana del 1947 che ha portato ai confini attuali. Il Pakistan controlla circa un terzo del Kashmir e l’India la metà circa. La linea di controllo dei confini tra i due paesi è stata stabilita dalle Nazioni Unite. Nell’area Jammu e Kashmir, sotto il controllo dell’India, vi sono diversi gruppi separatisti che favoriscono l’annessione della zona al Pakistan e altri che ricercano l’indipendenza della regione, con insurrezioni contro  il governo indiano.

 

Valle di Neelum, Kashmir pakistano

Valle di Neelum, Kashmir pakistano, Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.